“Terra Mia”, la Sicilia di Silvano Raiti al Palazzo della Cultura di Catania

Dal 7 al 22 Marzo 2020, con il Patrocinio del Comune di Catania, il Palazzo della Cultura ospiterà una selezione di Opere Pittoriche facenti parte della raccolta Trasmutazioni della Realtà. Inaugura l’Assessore alla Cultura, Barbara Mirabella.

Terra Mia, Terra di Ricordi.

Ecco arrivata finalmente la data tanto attesa. Nella giornata di oggi l’Opening al Palazzo della Cultura della mostra d’arte pittorica, tutta al personale, del Maestro d’Arte Silvano Raiti. Patrocinata dal Comune di Catania, in collaborazione con 2Erre Eventi D’Arte e ArteCivita28, Terra Mia si fa portavoce di una selezione di olii che immergono lo spettatore nella natura incontaminata della Sicilia Orientale.

Pregnante è la coloristica: la Sicilia parla attraverso i toni vividi e sgargianti dell’arancio, del verde, del rosso, del blu e del giallo e ci riporta, soave, nei toni tenui dell’eterea primavera.

L’Evento.

L’inaugurazione della mostra personale si terrà giorno 7 Marzo 2020 alle ore 17, nelle sale del Palazzo della Cultura, via Vittorio Emanuele, 121, Catania.

Un Viaggio nella Trasmutazione.

Ma non è tutto! L’artista fa indirettamente dono allo spettatore di un percorso, un percorso che lo stesso Raiti ha già calcato: si parte dai ricordi per giungere all’Io di chi dipinge con sapienti pennellate. Gauguin diceva che “L’arte è o plagio o è rivoluzione.” Ed è la trasmutazione dei ricordi che si fa rivoluzione, si fa essa stessa arte astratta nel continuo divenire dell’Io dell’Artista. Terra Mia. La Terra di Silvano Raiti. La Terra dei Suoi Ricordi e Terra del Suo Domani.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*