Le compagnie aeree chiedono soldi mentre combattono i diritti dei passeggeri

L’industria aeronautica sta entrando in una crisi senza precedenti e non vi sono dubbi che abbia bisogno di aiuti governativi e sostegno finanziario alla luce delle conseguenze del Coronavirus. Il problema è che per uscirne, oltre ad affidarsi al sostegno finanziario dei governi, le compagnie aeree stanno facendo leva sulla crisi COVID-19 per sostenere una vecchia agenda normativa e indebolire i diritti dei passeggeri aerei in Europa. Qualsiasi piano di finanziamento o salvataggio messo in atto dai rispettivi governi sarà finanziato dai contribuenti: gli stessi passeggeri che stanno perdendo i loro diritti, stanno pagando per salvare le compagnie aeree.

Nel pieno dell’emergenza coronavirus, agenzie come A4E e IATA fanno pressioni per modificare il regolamento CE 261, normativa europea che tutela i diritti dei passeggeri, per ridurre la responsabilità delle compagnie aeree e indebolire le tutele dei viaggiatori aerei. E anche se può sembrare comprensibile che in questa crisi le compagnie aeree stiano cercando di negare ai passeggeri il diritto al rimborso del biglietto, offrendo invece voucher, anche i passeggeri sono stati pesantemente colpiti dalla crisi, e molti di loro potrebbero aver bisogno urgentemente di questi rimborsi. Ma al di là della lotta delle compagnie aeree per sopravvivere a questa crisi, queste azioni di lobbying fanno parte di una campagna più ampia per eliminare molte tutele per i passeggeri.

Se queste revisioni venissero fatte passare, i passeggeri verrebbero privati fino all’80% dei loro attuali diritti ai sensi della CE 261. E sembra che le compagnie aeree vogliano abusare dell’attuale stato di emergenza per creare regole che sarebbero efficaci soprattutto dopo la crisi. Salvare e sostenere l’industria aeronautica dall’attuale crisi causata da Covid-19 è naturalmente della massima importanza, ma non può in nessun caso andare a scapito dei diritti dei passeggeri aerei in una prospettiva a lungo termine. In definitiva, qualsiasi piano di finanziamento o salvataggio sarà finanziato con i soldi dei contribuenti; in altre parole, sono i passeggeri delle compagnie aeree a pagare il conto. In cambio, dovrebbero almeno potersi aspettare che i loro diritti siano rispettati e non limitati.

Lo scoppio della pandemia COVID-19 ha assestato un duro colpo all’economia, e l’industria del turismo è forse la più pesantemente colpita; la domanda è andata in picchiata e i voli già prenotati sono stati cancellati a causa dei divieti di viaggio e della paura. Considerando come l’industria del turismo e le compagnie aeree siano state colpite dalla crisi, è comprensibile che ci sia bisogno di aiuti e sostegno da parte del governo. Tuttavia, dato il loro ruolo importante nelle infrastrutture della maggior parte dei Paesi, le compagnie hanno la certezza di avere una grande rete di sicurezza che sanno sarà disponibile in caso di crisi. L’aiuto e il sostegno finanziario attraverso i salvataggi governativi è un vantaggio che la maggior parte delle altre grandi compagnie non ha. Le compagnie aeree lo sanno, e potrebbero quindi sentirsi meno inclini a creare piani di emergenza impermeabili e fondi per eventi straordinari.

Sebbene le compagnie aeree abbiano perso molti soldi e siano state costrette a cambiare i loro piani operativi, negli ultimi anni hanno costantemente portato profitti per miliardi di euro: quelle negli Stati Uniti, ad esempio, chiedono ora prestiti per più di 50 miliardi di dollari, ma con profitti in miliardi – e più di 45 miliardi di dollari dati a dirigenti e azionisti negli ultimi anni – si pone la domanda di come siano stati spesi i soldi e perché queste compagnie aeree erano impreparate ai giorni di pioggia.

Quando viene concesso un bailout o un prestito, come ora, ci devono essere condizioni rigide per tenere sotto controllo le compagnie aeree. Il responsabile dell’aviazione Andrew Murphy ha affermato che “le compagnie aeree che chiedono il sostegno pubblico nei periodi di crisi dovrebbero accettare di dover iniziare a pagare le tasse nei periodi favorevoli“, il che vale anche per la protezione e il risarcimento dei passeggeri.

Capiamo che questo è un momento di crisi per le compagnie aeree, ma è una profonda crisi per tutti in tutto il mondo, soprattutto per i singoli individui e i passeggeri. Il fatto che il COVID-19 sia una circostanza straordinaria, e APRA è stata la prima organizzazione a riconoscerlo ufficialmente, non dà alle compagnie aeree il diritto di usarlo come un’opportunità “catch all” per eliminare tutti i diritti dei passeggeri aerei. Semmai, questa crisi rivela che ora più che mai sono necessari diritti forti per i passeggeri aerei, per assicurarsi che le compagnie aeree stiano dando ai passeggeri un trattamento giusto mentre attraversano la pandemia“, afferma Christian Nielsen, membro del consiglio di amministrazione e portavoce di APRA.

Ai sensi della legge europea EC 261, i viaggiatori che volano in Europa con una compagnia aerea europea, che fanno scalo nell’UE o che partono dall’UE con una qualsiasi compagnia aerea hanno diritto a un risarcimento per le interruzioni evitabili. Le compagnie aeree non sono responsabili per le cancellazioni dovute a COVID-19 – in quanto si tratta di una circostanza straordinaria al di fuori del controllo di qualsiasi attività commerciale – ma EC 261 obbliga le compagnie stesse a tutelare anche i passeggeri che sono rimasti bloccati o che hanno sostenuto spese extra a causa del dissesto. Agenzie come l’International Air Transport Association (IATA) e Airlines 4 Europe (A4E) si oppongono a questo, sfruttando il caos a loro vantaggio. Si battono anche per un cambiamento della CE 261 che toglierebbe fino all’80% delle protezioni per i viaggiatori, mettendo i profitti al primo posto e i clienti – anche a lungo termine – all’ultimo posto.

APRA – l’Associazione dei difensori dei diritti dei passeggeri – sta lottando per mantenere i diritti dei passeggeri almeno forti come lo sono ora; è chiaro che i profitti delle compagnie aeree sono stati a malapena colpiti dalla CE 261 in passato, quindi non c’è motivo che queste leggi cambino ora. L’EC 261 ha dimostrato di tenere sotto controllo le compagnie aeree – in modo simile a come la SEC negli Stati Uniti regola le attività finanziarie.

Se le turbolenze finanziarie portano al consolidamento del mercato, meno compagnie aeree significa meno concorrenza sui prezzi e sui servizi. Un altro motivo per non compromettere i solidi diritti dei passeggeri aerei.

Ogni anno, più di 40 milioni di passeggeri sono colpiti dalle cancellazioni dei voli, molti dei quali rimangono bloccati all’aeroporto e sono costretti a sostenere spese extra – questi sono i passeggeri che hanno bisogno di solidi diritti per i passeggeri aerei. Quando il mondo si riprenderà, le protezioni dei viaggiatori dovranno rimanere intatte e le compagnie aeree dovranno essere ritenute responsabili delle loro azioni.

Per ulteriori informazioni su APRA, visitare il sito passengerrightsadvocates.eu

APRA

L’Associazione dei difensori dei diritti dei passeggeri (Association of Passenger Rights Advocates, APRA) è stata istituita nel 2017 per offrire una voce unita sulla protezione dei passeggeri. Fondata dalle principali società di supporto per i reclami, è la missione di APRA di garantire la massima protezione ai passeggeri. L’associazione si impegna attivamente in un dialogo costruttivo con le istituzioni europee e nazionali, nonché con le compagnie aeree, gli aeroporti, gli organismi nazionali di applicazione e altri stakeholder interessati. L’APRA rappresenta una combinazione di dati solidi, analisi approfondite e competenze collettive, per informare i responsabili politici e proteggere gli interessi dei passeggeri aerei europei. AirHelp, EUclaim, Flightright e Reclamador sono i membri fondatori di APRA. 

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*