Arrestati dalla Polizia tre rumeni per furto in concorso all’Albergo delle Terme di Acireale

Polizia in azione

Durante il pomeriggio dello scorso 31 marzo, agenti del Commissariato di Acireale hanno arrestato, per furto in concorso con l’aggravante della violenza sulle cose e su edifici pubblici e di pubblica utilità, i cittadini rumeni Iancu Petre, cl. 1985, Cuti Ionut cl. 1999 e Iordan Ionut Anghel cl.1995.

Una telefonata pervenuta al 112 NUE aveva segnalati la presenza di ladri in azione presso l’Albergo delle Terme, sito in via Alcide De Gasperi, da tempo in disuso. Sul posto, sono state fatte convergere una Volante del Commissariato e l’equipaggio incaricato del controllo del territorio per l’emergenza CODIV-19.

I poliziotti intervenuti sono riusciti, così, a bloccare i tre uomini di nazionalità rumena i quali, sorpresi all’interno dell’edificio, erano intenti a prelevare dalla struttura arredi, termosifoni e i telai degli infissi esterni, poco prima sradicati dalle pareti. Gli agenti, inoltre, hanno accertato che era già stata accantonata all’esterno ulteriore refurtiva, prelevata precedentemente.

Dalla denuncia presentata dal Commissario liquidatore della società “Terme Acireale S.P.A.”, si è appreso che quanto oggetto di furto, riconsegnato all’avente titolo, aveva un valore di 9.000,00/10.000,00 euro circa.Gli arrestati, tutti domiciliati presso il campo ROM di San Giuseppe La Rena di Catania, sono stati condotti negli uffici del Commissariato e poi, su disposizione dell’A.G. competente, rinchiusi nella Casa Circondariale di Piazza Lanza. I tre altresì, sono stati sanzionati ai sensi dell’art. 4 comma 1 D.L. 19/2020, per le violazioni delle prescrizioni atte al contenimento del rischio epidemiologico.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*