“In the Dark” dal 10 maggio su Rai4 la serie investigativa prodotta da Ben Stiller

In The Dark (Photo Ben Mark Holzberg)

Dal 10 maggio, ogni domenica in fascia preserale, arriva su Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) una nuova serie in prima visione assoluta, il crime investigativo “In the Dark”. Appuntamento, con i primi tre episodi, a partire dalle 19.15, mentre nelle settimane successive vedremo due episodi, a partire dalle 19.50.

Murphy Mason è una ragazza non vedente, dipendente dall’alcool e ingabbiata in un lavoro che odia nella Breaking Blind, la scuola per cani guida dei suoi iperprotettivi genitori. Una sera, mentre passeggia con il suo cane Pretzel, Murphy inciampa in un cadavere e allerta la polizia, ma all’arrivo delle forze dell’ordine la salma è scomparsa. Unica testimone di un delitto a cui nessuno crede, la ragazza decide di iniziare un’indagine privata, convinta che la vittima fosse il suo migliore amico Tyson, uno spacciatore a cui deve la vita, irreperibile da ormai diversi giorni.

Creata da Corinne Kingsbury, apprezzata sceneggiatrice di The Newsroom, e prodotta dall’attore Ben Stiller, In the Dark” trova una particolare dimensione all’interno del genere crime alternando i toni brillanti e leggerei della commedia con quelli più cupi del dramma investigativo.

Nel cast della prima stagione di In the Dark” troviamo Perry Mattfeld (Shameless, Stitchers) nel ruolo della protagonista, Rich Sommer (Summer of ’84, Elementary) nei panni dell’investigatore sensibile alla disabilità di Perry e che segue il suo caso, Keston John (Bosch, The Good Place), Kathleen York (The O.C., Jane the Virgin) e Brooke Markham (Friend Request – La morte ha il tuo profilo).

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*