Catania News

Nel pomeriggio di ieri personale del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, che operava a disposizione della Sala operativa della Questura di Catania nell’ambito dei diuturni controlli di sicurezza nel quartiere San Berillo Vecchio, ha denunciato in stato di libertà la catanese L.C., classe 1995, responsabile dei reati di riciclaggio, danneggiamento, resistenza e minacce a Pubblico ufficiale.

La donna, già sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, stava transitando a bordo di un motociclo per via delle Finanze quando, anziché fermarsi all’alt impostogli della pattuglia che intendeva procedere al suo controllo, ha tentato di fuggire. Ma i poliziotti, che “stavano sul pezzo” non si sono fatti sorprendere e l’hanno immediatamente bloccata e sanzionata per le numerose infrazioni al Codice della Strada commesse.

Tuttavia, durante la redazione degli atti, tra cui il sequestro del motociclo che presentava il telaio alterato (e, quindi, di probabile provenienza furtiva), la donna è andata in escandescenze, minacciando gli operatori e arrivando a danneggiare con una catena il motociclo, che frattanto era stato già sequestrato.

L.C. peraltro, è stata anche denunciata per un furto aggravato, in concorso con persona ignota, avvenuto nella nottata precedente presso uno stabilimento balneare di viale Kennedy. Per sua somma sfortuna, infatti, quand’è stata condotta in Questura dagli uomini del Reparto Prevenzione Crimine, un agente delle Volanti, il quale era intervenuto sul luogo del furto e aveva visionato le immagini del circuito di videosorveglianza dello stabilimento che l’aveva immortalata, l’ha riconosciuta, senz’ombra di dubbio, quale una degli autori della razzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post