D.A.C.UR., le prime denunce ai posteggiatori abusivi

Posteggiatori abusivi a Catania

L’eliminazione radicale di un fenomeno illegale così spregiudicato e sfidante come quello dei posteggiatori abusivi pretende misure adeguate e quelle adottate dal Questore Mario Della Cioppa si stanno rivelando quanto mai efficaci. Facendo appello dapprima alle norme del Codice della Strada (che prevede come fattispecie di reato la recidiva, qualificata dal mancato ricorso alla prima sanzione e/o dal suo rigetto), passando poi all’Avviso Orale (una misura di prevenzione che, dopo la commissione del reato apre alla possibilità di applicare la Sorveglianza Speciale di P.S. in caso del perseverare della condotta antigiuridica), per finire al Divieto di Accesso a determinate Aree Urbane: il D.A.C.UR.

Polizia aeroportuale

E come un “pezzo di carta” possa trasformarsi in una solida base che porta prima dritti davanti a un giudice, nella prospettiva di una condanna e di un “soggiorno” nella cella di un carcere, lo ha scoperto il catanese D. S. classe 1979 il quale, forse pensando all’Aeroporto come a una zona franca, è invece incappato nelle maglie della Squadra di polizia giudiziaria della Polizia di Frontiera che lo ha bloccato e controllato, lo scorso 4 settembre. L’uomo, posteggiatore abusivo impenitente e refrattario a qualsivoglia ammonimento, era stato sottoposto al D.A.C.UR. poche ore prima e proprio per la sua attività illegale nelle aree aeroportuali, dove gli era stato proibito di “esercitare”.

Peraltro, la pervicacia di questo taglieggiatore da strada stava creando non pochi problemi di traffico all’uscita dell’Aerostazione. I poliziotti lo hanno bloccato e condotto in ufficio dove è stato denunciato per la violazione del D.A.C.UR. e per la fattispecie di reato prevista dall’art. 7 co. 15 del Codice della Strada, perché recidivo nell’illegale attività di posteggiatore abusivo.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*