A Caltagirone il 24 settembre “Nuovi scenari per l’agrumicoltura siciliana”

Si terrà  giovedì prossimo, 24 settembre, ore 10,30, in C.da Balchino s/n, alla zona Industriale di Caltagirone, il convegno dal titolo  “Innovazioni su scelte varietali e portainnesti: Nuovi scenari per l’agrumicoltura siciliana”, organizzato dall’OP Rossa di Sicilia, con la collaborazione del CREA- OFA di  Acireale. L’evento, proposto nell’ambito del Programma Operativo 2020/2024  – MISURA 1 – PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE, porrà l’attenzione sugli interventi volti a sostenere la produzione nella riconversione varietale,  prevedendo investimenti arborei o per colture perenni.

Ad aprire i lavori sarà il presidente OP Rossa di Sicilia, Giuseppe Di Silvestro, mentre interverranno come relatori l’agronomo Carmelo  Asero,  e i ricercatori Giuseppe Russo, Marco  Caruso e Guido Sorrentino del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (CREA), di  Acireale.

I temi  affrontati spazieranno dall’analisi attuale del comparto alle innovazioni varietali e i nuovi portinnesti alternativi all’arancio amaro, ponendo l’accento anche  sul quadro fitosanitario attuale, sui  rischi emergenti e sulla nuova certificazione europea.

L’obiettivo operativo della misura è quello di assicurare che la produzione sia pianificata e adeguata alla domanda con azioni che migliorino la redditività sia in termini quantitativi che soprattutto qualitativi. 

Attualmente sono in corso gli interventi di riconversione varietale 2020 che si concluderanno fra ottobre e novembre prossimi  che mirano  a raggiungere l’obiettivo della misura, con la messa a dimora di nuovi impianti, la sostituzione di quelli esistenti che consentano di introdurre nuove cultivar con migliori caratteristiche intrinseche ed estrinseche e di omogeneizzare l’offerta attraverso una programmazione varietale e colturale.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*