“Le Vie dei Tesori”, tra percorsi d’arte e luoghi di condivisione culturale

Il festival “Le vie dei Tesori” a Catania

Il festival “Le vie dei Tesori” torna a Catania, dal 3 ottobre al primo novembre, con nuovi itinerari e luoghi di condivisione culturale. A partire da Palazzo degli Elefanti che sabato e domenica apre al pubblico le sue sale, ricche di opere d’arte, dalle 9.30 alle 13.
Il municipio è il cuore di un articolato circuito cittadino che comprende chiese, palazzi nobiliari, bastioni, cupole, teatri antichi ma anche giardini storici, parchi d’arte, borghi marinari.
Settanta tra siti e itinerari di visita, esperienze sensoriali, passeggiate d’autore, eventi che l’emergenza Covid-19 ha indirizzato verso nuove modalità di fruizione e che l’associazione Le vie dei Tesori onlus propone in collaborazione con il Comune di Catania, gli Assessorati regionali al Turismo e ai Beni culturali, la Soprintendenza, la Diocesi, l’Università, diverse associazioni e realtà pubbliche e private.
Quest’anno la manifestazione, non potendo accogliere le scuole, ha scelto di aprire i siti sabato e domenica, aggiungendo iniziative anche serali e fuori dai circuiti abituali.
Molti luoghi del Festival sono ritornati a grande richiesta, altri sono inediti.  Tra le tante proposte, il Castello Ursino, il Palazzo della Cultura, la Chiesa monumentale san Nicolò l’Arena, la chiesa di Santa Chiara, dove Verga ambientò “Storia di una capinera”, il Bastione degli Infetti voluto da Carlo V, luoghi agatini e testimonianze del periodo romano, palazzi barocchi ed edifici liberty ma anche botteghe dell’opera dei pupi, spettacoli, concerti, escursioni.  
Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il numero 0918420000, attivo tutti i giorni dalle 10 alle 18. Il programma del festival è disponibile sul sito leviedeitesori.com.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*