Serie C, il Catania di Raffaele, al “Nobile” di Lentini, affronta oggi pomeriggio la Juve Stabia di Padalino.

Oggi 7 ottobre, nel girone C di Serie C, primo dei nove turni infrasettimanali previsti dal calendario. Il Catania di mister Raffaele, reduce dalla vittoria con il Monopoli in trasferta, ospiterà la Juve Stabia di mister Padalino all’”Angelino Nobile” di Lentini, per permettere le cure al manto erboso del “Massimino”. Il calcio d’inizio è fissato per le 18.30 e la gara è affidata al signor Nicolò Marini di Trieste.

Nel Catania indisponibili Santurro, Dall’Oglio e Pinto, non convocati i giovani Noce ed Arena oltre a Maldonado per problemi burocratici. Prima convocazione per Emmausso e Confente. Probabile la conferma del 3-5-2 visto al “Veneziani” con il tridente offensivo che potrebbe schierare Biondi, Sarao (Reginaldo) e Gatto, tra i pali invece conferma per Martinez.

In casa Juve Stabia assenti Bentivegna, Lia, Russo e Francesco Orlando, quest’ultimo positivo al Covid-19. Mister Padalino dovrebbe confermare il 4-3-3. Possibile l’innesto di Bubas dal primo minuto.

Queste le probabili formazioni:

Catania (3-5-2): Martinez; Tonucci, Claiton, Silvestri; Calapai, Biondi, Vicente (Welbeck), Rosaia, Albertini; Sarao, Reginaldo. In panchina.: Della Valle, Confente, Panebianco, Zanchi, Izco, Welbeck, Emmausso, Gatto, Manneh, Pecorino, Piovanello. All: Raffaele.

Juve Stabia (4-3-3: Tomei; Codromaz, Troest, Allievi, Rizzo; Scaccabarozzi, Berardocco, Mastalli; Golfo, Romero, Bubas. In panchina.: Lazzari, Maresca, Garattoni, Mulè, Oliva, Troest, Bovo, Fantacci, Guarracino, Vallocchia, Volpicelli, Cernigoi. All: Padalino.

Arbitro: Nicolò Marini di Trieste.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*