Daspo e per 2 anni lontano da centri commerciali dopo colpi di pistola davanti a negozio di Riposto

Intervento Polizia

Il 5 novembre 2020, il Questore di Catania, ha applicato per la prima volta in questa Provincia, e tra le prime volte in Italia, la recentissima normativa contemplata nel Decreto Legge nr. 130, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 21.10.2020 e ha emesso nei confronti di Riccardo Guarrera cl.  2001, il Divieto di Accesso ai Pubblici Esercizi o locali di pubblico intrattenimento, per anni 2 , poiché il 30.10.2020 è stato arrestato dai Militari della Compagnia dei Carabinieri di Giarre (CT) per tentato omicidio doloso, lesioni personali e porto abusivo di arma da sparo clandestina all’interno di un centro commerciale.

Nel dettaglio, il Guarrera, a seguito di un diverbio per futili motivi avuto con una dipendente del centro commerciale “Conforama” di Riposto (CT), aveva esploso diversi colpi di pistola, illegalmente detenuta, davanti ad un negozio di telefonia, nei confronti di un uomo che è stato trasportato urgentemente presso il Pronto Soccorso dove si trova tuttora ricoverato con prognosi riservata sulla vita.

Il Guarrera ha dimostrato sia in questa occasione che in due episodi precedenti, avvenuti quest’anno e nel 2017, sempre dinanzi esercizi pubblici, un’indole aggressiva ed una spiccata  pericolosità sociale manifestata per futili motivi, in quest’ultimo caso addirittura per l’insofferenza dovuta alla fila davanti il negozio.

La nuova normativa del Daspo ai locali o esercizi pubblici prevede che il Questore può disporre, per motivi di sicurezza, la misura di prevenzione del DASPO ai locali o esercizi pubblici e il divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze di essi ai soggetti ritenuti socialmente pericolosi e che siano stati denunciati o arrestati, negli ultimi tre anni, per la vendita o cessione di sostanze stupefacenti dinanzi locali pubblici e plessi scolastici o per aver commesso gravi disordini all’interno o nelle immediate vicinanze degli stessi o per reati contro la persona o il patrimonio.

Il nuovo Decreto prevede inoltre che nei casi di arresto convalidato dalla A.G. si possa applicare il DASPO relativamente a tutti i pubblici esercizi o locali della Provincia individuati specificamente dal Questore in ragione dei luoghi dove sono stati commessi i reati.

Per tal motivo e per la gravità del comportamento tenuto, atteso che l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto, si è ritenuto di applicare al Guarrera i nuovi commi (commi 1 bis e 1 ter del citato art. 13 del D.L. 130/2020) che estendono il divieto a tutti i centri commerciali della provincia  tra cui, oltre a quello dove si sono verificati i fatti sopra indicati, anche alle Porte di Catania, Etnapolis, Katanè, Centro Sicilia, Portali, Le Zagare, Ginestre, Ciclope, compreso lo stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi, per la durata di anni 2 (due).

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*