Le stagioni d’oro dei rossazzurri, quando il Catania faceva tremare la serie A

La tifoseria del Catania in serie A

Nonostante al momento non si trovi in una posizione di classifica particolarmente soddisfacente, il Calcio Catania ha vissuto una serie di stagioni importanti nel palcoscenico più importante del calcio italiano, ossia il campionato di serie A. In un periodo di circa dieci anni dalla metà degli anni Duemila, anno della storica promozione in serie A, la società etnea ha vissuto momenti splendidi nel principale torneo italiano, facendosi notare come una delle più virtuose del Sud Italia.

Al centro Peppe Mascara

Erano anni nei quali la squadra rossoazzurra faceva tremare persino la Juventus, l’attuale grande favorita alla vittoria dello Scudetto, secondo le principali quote sulla Serie A più attuali. Nella prima annata all’interno del massimo campionato tricolore la squadra allora allenata da Pasquale Marino sorprese tutti per il suo calcio sbarazzino e volto all’attacco, un attacco composto dal duo Gionatha Spinesi e Giuseppe Mascara, quest’ultimo storico capitano della formazione etnea. In quell’annata il Catania finì al tredicesimo posto in campionato e mise le basi per riuscire ad arrivare, l’anno successivo, al gran traguardo della semifinale di Coppa Italia, il miglior risultato di sempre in questa competizione da parte della società. In seguito, le gestioni di Silvio Baldini e Walter Zenga portarono alcuni buoni risultati singoli, sebbene non video la squadra catanese imporsi nel lungo periodo. Eppure, nessuno dimenticherà mai un derby contro il Palermo, la partita più sentita in assoluto da parte dei tifosi e dei giocatori etnei: si tratta di un derby nel quale capitan Mascara segnò un goal da centrocampo mandando in visibilio tifosi allo stadio e non. Il tutto, tra l’altro, proprio presso lo stadio nemico Renzo Barbera e in occasione di un match dominato e vinto per 4-0 sotto gli occhi dei tifosi rivali. Una sensazione unica e indimenticabile.

Diego Pablo Simeone

In seguito, tuttavia, sarebbe arrivato allo stadio Massimino un allenatore che avrebbe rivoluzionato non solo il gioco ma anche la mentalità degli etnei, realizzando quello che per molti fu un piccolo miracolo sportivo. Parliamo di Diego Pablo Simeone, giunto nella zona orientale della Sicilia il 19 gennaio 2011 e immediatamente in grado di cambiare la dinamica di risultati di una squadra che sembrava fosse condannata alla retrocessione. Nonostante le due prime partite fossero terminate con una sconfitta, il tecnico argentino riuscì a dare la spinta emotiva giusta ai suoi giocatori per cambiare passo. Insieme alla colonia argentina presente in rosa, il Cholo fece un vero e proprio miracolo, dando sia un bel gioco offensivo ai suoi giocatori e riuscendo a stabilire un ruolino di marcia positivo e continuo nel quale si incastonò come una gemma il 4-0 casalingo nel derby contro il Palermo. Il tredicesimo posto finale del Catania, arrivato con 46 punti, 24 dei quali furono frutto delle 18 partite di gestione dell’allenatore sudamericano, fu il risultato finale di quello che per i tifosi fu il più bel campionato disputato in prima divisione della società etnea.

Adesso in serie C, il Calcio Catania spera di poter tornare quanto prima in A per poter vivere nuovamente momenti come quelli che abbiamo appena ricordato.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*