Operazione antimafia “Triade” della Polizia ad Adrano, colpito il clan Scalisi, eseguite 15 misure cautelari personali

Operazione Triade

Operazione della Polizia di Stato, denominata “Triade”, che ha colpito il clan Scalisi di Adrano, articolazione territoriale del clan Laudani di Catania. Tra i reati contestati figurano l’associazione di tipo mafioso, il traffico e lo spaccio di droga, la detenzione di armi e le estorsioni con metodo mafioso. Su delega della Procura Distrettuale etnea, la Polizia di Stato ha eseguito 15 misure cautelari personali.

Nel corso delle indagini sono stati documentati atti intimidatori e ritorsivi nei confronti dei familiari di un collaboratore di giustizia. L’episodio di intimidazione che è stato scoperto riguarda un furgoncino per la vendita di panini di un familiare del collaboratore di giustizia Salvatore Giarrizzo che era stato danneggiato a ridosso di una importante udienza in cui avrebbero dovuto utilizzarsi dichiarazioni del pentito. Il Gip, in sede di convalida, ha disposto il carcere per 14 degli indagati e gli arresti domiciliari per un quindicesimo. Dalle indagini emerge il ruolo apicale assunto da Salvatore Calcagno, nipote ed effettivo erede del boss Giuseppe Scarvaglieri, attualmente detenuto in regime di 41bis, il cosidetto “carcere duro”. Delineato anche il ruolo di Massimo Neri, già indicato da numerosi collaboratori di giustizia come esattore delle estorsioni riconducibili al clan Scalisi, accusato di avere “riorganizzato la cosca mafiosa assumendone il controllo almeno fino alla scarcerazione di Carmelo Scafidi”. Le indagini hanno anche documentato i “costanti rapporti tra Neri e Antonio Luca Josè Pappalardo, ritenuto esponente della frangia territoriale del clan mafioso Laudani operante nel quartiere popolare Canalicchio di Catania, a dimostrazione della collaborazione tra le due cosche. Fatta luce dalla Polizia anche su cinque estorsioni ai danni di altrettanti operatori commerciali di Adrano.

I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dai Gip di Catania e Lagonegro, per un caso, su richieste della Dda etnea basate su indagini della Polizia avviate nel marzo del 2019 ed conclusesi due anni dopo. Nell’ambito dell’inchiesta Triade sono stati registrati particolari momenti di tensione tra gli appartenenti al clan Scalisi e quelli riconducibili ad un altro gruppo criminale emergente di Adrano culminati nell’esplosione di colpi d’arma da fuoco contro di Salvatore Giarrizzo e Francesco Vitanza. Dopo la sparatoria, come documentato da immagini di impianti di video sorveglianza, all’interno di una ex palestra di Adrano, il 21 agosto del 2019, si è tenuto un summit tra esponenti dei clan Scalisi, Santangelo-Taccuni e della ‘famiglià Laudani di Catania. Le indagini hanno fatto emergere il forte disappunto tra gli affiliati al clan Scalisi, in particolare in Massimo Neri, per la collaborazione con la giustizia di Salvatore Giarrizzo, avviata nell’estate del 2020, tanto da progettare atti intimidatori nei suoi confronti e della sua famiglia, finalizzati a fargli ritrattare le dichiarazioni rese nei confronti degli ex compagni e di appartenenti ad altri gruppi mafiosi.

I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono Giovanni Marco Arcidiacono, 23 anni, Ivan Atri, 31, Gianluca Galvagno, 33, Giuseppe Lo Cicero, 31, Tino Neri, 40, Antonio Luca Josè Pappalardo, 42, Carmelo Scafidi, 54, Andrea Stissi, 24, Pietro Severino, 64, Salvatore Severino, 42, Francesco Vitanza, 19, Claudio Barbera, 21 e Giuseppe Fichera, 23 anni. Massimo Neri, 37 anni è stato fermato dalla Polizia in Campania. Il Gip di Lagonegro ha emesso un’ordinanza in carcere rinviando gli atti a Catania per competenza territoriale. Il Gip di Catania ha infine disposto gli arresti domiciliari per Nunzio Costa, 35 anni. I dettagli dell’operazione sono stati illustrati stamattina nella sala Raciti  del X Reparto Mobile di Catania.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*