Gli inquilini della Torre Leone pronti ad autogestirsi, chiesto tramite il Sunia un incontro con il Comune

SUNIA

Gli inquilini assegnatari della Torre Leone a Librino chiedono, attraverso il Sunia di Catania, un incontro al Comune- Direzione Patrimonio per poter formalizzare un percorso di auto gestione del Palazzo attraverso un Comitato.

La decisione è stata presa in occasione dell’assemblea convocata dal Sunia il 30 giugno scorso, nel corso della quale è stato ribadito che, spiega la segretaria del Sunia. Giusi Milazzo, “che continuano a sussistere problemi gravissimi tra cui le ingenti perdite dell’impianto fognario che rischiano di compromettere la salute degli abitanti. A questo si aggiunge il grave problema dei pericolosi tombini scoperti sul marciapiedi antistante il palazzo. Il Sunia nell’apprezzare la scelta degli assegnatari considera indispensabile che si provveda al più presto a porre fine ai problemi che rendono difficile la vita degli assegnatari. Questi ultimi stanno dimostrando il loro impegno a creare le condizioni per abitare il palazzo in maniera dignitosa”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*