Dal Pozzo di Gammazita una rete di associazioni per conoscere la città

E’ stato firmato un protocollo d’intesa tra l’UCIIM “Nuccio Sciacchitano”, Acquedotte, e l’Ass. di Gianfranco, al fine di attivare iniziative, progetti e interventi didattici formativi, per promuovere tra gli studenti di primo e secondo grado una particolare sensibilizzazione verso la storia della Città, dei luoghi e dei personaggi significativi, così da rendere concreta ed efficace la cittadinanza attiva prevista dallo studio dell’Educazione Civica.

La realizzazione artistica di un video-documentario a cura di Lorena Dolci e la regia di Riccardo Napoli sulla storia della leggendaria Gammazita, virtuosa ragazza catanese che, verso il 1280 preferì gettarsi in un pozzo, invece di cedere alle insidie di Droetto, soldato francese che si era invaghito di lei, apre il ventaglio di una complessità di tematiche culturali e sociali che, ben guidate, si prestano a far maturare tra gli studenti riflessioni e apprendimenti capaci di “modificare il modo di pensare, di sentire e di agire”

Le tre associazioni, ciascuna con la propria peculiarità, esplicitate dai rispettivi presidenti contribuiranno a dare efficacia ai molteplici progetti che si attiveranno nel corso dell’anno scolastico.

L’UCIIM, (Unione Cattolica Insegnanti, Educatori, Dirigenti), come ha dichiarato la presidente, Maria Antonietta Baiamonte, designata anche come “referente coordinatrice” della rete, contribuirà, mediante interventi di formazione dei docenti, alla diligente attuazione dei progetti di Educazione Civica, della quale l’UCIIM è stata promotrice sin dalla prima elaborazione di programma (Castello Ursino, febbraio 1957);

L’arch. Giovanni Romeo, presidente di “Acquedotte”, accompagnerà la scoperta dei tesori nascosti della città mediante la definizione di itinerari e percorsi di visita, collegando storia, letteratura, architettura e urbanistica.  Conoscere la Città, infatti, è il presupposto indispensabile per viverla con consapevolezza e responsabilità civica.

L’Associazione di Gianfranco”, come ha detto il presidente Nunzio Claudio Saita, da anni impegnata in azioni di prevenzione del disagio giovanile, favorirà il coinvolgimento dei minori a rischio, residenti nei quartieri periferici.

La convergenza di risorse umane, nella comune volontà di offrire un servizio alla Città e alle giovani generazioni qualifica gli obiettivi della rete associativa, che si apre ad un dialogo costruttivo di cittadinanza attiva e responsabile, cooperando anche con altri Enti, Comuni, e Associazioni verso il comune obiettivo: il miglior bene dei nostri ragazzi.

Giuseppe Adernò

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*