Ypia Call, il 25 luglio i vincitori

Giuria premio Aba Catania

L’acronimo Ypia sta per Young Photographers from Italian Academies, e sono stati ben cinquantacinque i progetti dei loro allievi che diciannove tra Accademie di Belle Arti, Isia (Istituti superiori per le industrie artistiche), Corsi di Fotografia di livello universitario e altre Istituzioni fotografiche di tutt’Italia, hanno inviato per concorrere alla prima edizione della manifestazione promossa e organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Catania e dal Ragusa Foto Festival.

Soltanto dodici elaborati – inviati da Istituzioni di tutto il Paese, da Milano a Catania, da Genova a Pordenone, da Sassari a Bari, da Firenze a Roma, da Napoli a Verona, da Palermo a Venezia, da Pescara a Brescia, da Bari a Reggio Calabria – saranno selezionati dalla giuria. E le immagini di questo primo lotto di progetti saranno pubblicatenella prima edizione del catalogo Young Photographers from Italian Academies prodotto dall’Aba di Catania e curato dal Corso di Grafica per l’editoria.

Tra i dodici finalisti saranno poi scelti i quattro vincitori, le cui opere saranno esposte dal 18 settembre nel Palazzo La Rocca di Ibla, per il Ragusa Foto Festival. La selezione è in corso di svolgimento da parte della giuria, che ha sottolineato come siano tutti molto interessanti gli elaborati dei giovani creativi attinenti al tema – il Desiderio – dell’edizione 2021 del Festival fotografico ibleo. Finalisti e vincitori saranno proclamati domenica 25 luglio alle 18 nel corso di una cerimonia che si svolgerà nel Giardino Ibleo.

La giuria è presieduta da Gianluigi Colin artista, art director, critico d’arte e cover editor de La Lettura del Corriere della Sera, Alfredo Corrao docente e fotografo del Ministero della Cultura, Giovanna Giordano scrittrice e giornalista, docente di Aba Catania, Enzo Gabriele Leanza, rappresentante direttivo Sisif (Società italiana studio della fotografia). E naturalmente Rosario Antoci, artista e anche lui docente dell’Accademia etnea e anche coordinatore del progetto e componente del comitato scientifico del Festival ibleo.

“Il successo dell’iniziativa – ha sottolineato Antociconferma come il Ragusa Foto Festival rappresenti una piattaforma nazionale di dialogo, confronto e ricerca capace di valorizzare i giovani talenti. Un prezioso luogo in cui studenti, professionisti ed esperti di fotografia possono scambiarsi esperienze”.

“L’Ypia Call, inoltre – ha concluso – rappresenta una preziosa occasione per potenziare la partnership con Blurring the Lines, programma internazionale di talent scouting rivolto ai neolaureati nelle discipline delle arti visive”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*