Presentato a Catania il film “Lupo Bianco” sulle gesta del filantropo vercellese Carlo Olmo, diretto dal regista Tony Gangitano

La conferenza stampa

Lo scorso 27 luglio al “Mercure Catania Excelsior” è stato presentato alla stampa il lfilm “Lupo Bianco” alla presenza di Carlo Olmo (Filantropo), Vince Riotta (attore), Antonio Chiaramonte (Produttore Cinematografico CinemaSet) e Tony Gangitano (regista). Tanti gli attori intevenuti ed era presente anche l’assessore comunale alla Cultura e Spettacolo Barbara Mirabella.

Le riprese di “Lupo Bianco” sono iniziate il 31 maggio a Vercelli e dal primo luglio si è passati alla post-produzione, con il relativo montaggio, del film diretto da Tony Gangitano sulle gesta del filantropo vercellese Carlo Olmo, soprannominato Lupo Bianco, grande benefattore, insignito lo scorso ottobre della Onorificenza di Cavaliere Bianco al Merito della Repubblica Italiana, dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

Carlo Olmo

Si racconta la storia di un orfano, che ha fatto dell’amore ricevuto un moltiplicatore di opportunità, esce dalla porta della sua vita privata per essere raccontata al grande pubblico grazie all’idea dell’attore Diego Cammilleri, siciliano, che ha lavorato per anni nella Prefettura di Vercelli, prima di sposare l’arte della recitazione. Cammilleri, infatti, colpito dalle vicende di Carlo Olmo e dalle sue incredibili donazioni durante il Covid – dalle migliaia di mascherine donate alle charity tour con 24 tonnellate di derrate alimentari portate con i pullman alle famiglie bisognose fino alle stanze degli abbracci per bambini e case di riposo – ha proposto a Olmo la sua idea.

Il lungometraggio prodotto da Cinema Set di Antonio Chiaramonte, si avvale di un ricco cast: Sebastiano Somma, Morgana Forcella, Remo Girone, Guia Jelo, Vincent Riotta, Francesca Rettondini, Rosario Petix, Vincenzo Giordano, Shi Yang Shi, Gaetano Aronica, Emanuele Olmo, Massimo Pascucci, Daniela Fazzolari, Carlo Giammusso, Guido Bazzani, Giorgia Fiori, Alice Carbonaro, Elisa Muriale, Naomi Moschitta ecc. Questo progetto cinematografico, sarà presentato a tutti i Festival del Cinema, in tutto il mondo, ma soprattutto alla prossima Mostra del Cinema di Venezia.

“Dopo la frenata Covid del 2020 siamo tornati a girare in Italia – ha ribadito il produttore Antonio Chiaramonte, Presidente di CinemaSet, componente del comitato tecnico scientifico del Miur per i progetti cinematografici inerenti alla legalità a scopo educativo e didattico – ed abbiamo una serie di produzioni da realizzare entro il 2023 grazie alla società cinematografica CinemaSet, ben sette opere, che grazie al sostegno del Patrocinio del Miur, sono da riprendere e finalizzare, per poter proiettare ai giovani studenti di tutta Italia (medie e superiori), film a scopo educativo e didattico per tematiche sociali sulla legalità”.

Locandina del film

Il leit motiv di Carlo Olmo, soprannominato “Lupo Bianco”?. Sicuramente Fare del bene. Non è un uomo fuori dal tempo e dal mondo ma una persona perfettamente calata nella società e nei suoi bisogni, che si impegna concretamente per garantire aiuto e supporto facendo forza su quella rete di contatti, di amicizie e di conoscenze che in questi anni ha creato. Grazie alla sua generosità, ha avuto un ruolo fondamentale nel contenimento del contagio. La sua è un’esistenza contraddistinta dal dolore, ma anche dalla volontà di dare una mano alle persone che vivono un momento di difficoltà, non solo economica. Una vita straordinaria, quasi una favola, che inizia però sotto il segno del dolore. Il resto, lo vedremo al cinema.

Foto di gruppo alla presentazione del film

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*