La Copral Muri Antichi affida al tecnico croato Zeljko Kovacic Serie A e U16/18

Zeljko Kovacic

È tempo di rimboccarsi le maniche per preparare la nuova stagione in casa Copral Muri Antichi e il primo colpo messo a segno dalla dirigenza dei Muri non poteva che essere quello dell’allenatore. A guidare la Copral per la stagione 2021/2022 sarà Zeljko Kovacic.

Nato a Spalato nel 1981, Kovacic scrive la storia della pallanuoto croata da giocatore per ben 23 stagioni. Negli ultimi anni da allenatore ha già rivestito ruoli importanti in patria ma adesso avrà l’importante compito di guidare la serie A2 dei Muri Antichi, fresca di salvezza, il gruppo under 16/18 e di coordinare tutto l’intero settore giovanile. Kovacic sostituirà quindi con gli stessi incarichi mister Saro Scorza, costretto ai box nel finale della scorsa stagione causa problemi di salute. La società e lo staff, in sinergia con il mister, hanno tutte le intenzioni di proseguire il lavoro costruito negli ultimi anni e puntano ad un ruolo per Scorza, ormai simbolo della famiglia Muri Antichi.

Kovacic non ha bisogno di presentazioni, prima di tutto come giocatore, dimostratosi una vera stella a livello mondiale. Come allenatore ha già acquisito una notevole esperienza a livello internazionale, nonostante la giovane età, tanto da ricoprire diversi ruoli nello staff tecnico della nazionale croata, culla della pallavolo mondiale, come quello di assistant coach della nazionale giovanile croata, che continuerà contestualmente a ricoprire insieme all’incarico con i Muri Antichi. Adesso la nuova stimolante sfida italiana alla corte del presidente Spinnicchia in una serie A2 molto competitiva e con un progetto sempre più mirato sui giovani.

“Sono molto felice di iniziare questa nuova esperienza a Muri Antichi – dichiara il neo tecnico –  sono un gran lavoratore e darò il 100% per questa società. Sono soddisfatto dell’organico che avrò a disposizione con la prima squadra e sono sicuro che otterremo bei risultati. Mi piace puntare tanto sui giovani, il progetto della società da questo punto di vista è molto oculato e sono contento di poter guidare anche il gruppo giovanile dove sono sicuro tanti di loro possono aspirare a giocare con la prima squadra. Rispetto tanto la serie A italiana, mi piace tanto la città e la cultura di Catania e sono sicuro che qui farò tanti progressi e crescerò come persona e come coach”.

“Mi preme per prima cosa ringraziare Saro Scorza  – ammette il presidente Luigi Spinnicchiaper questi ultimi anni che lo hanno visto impegnato con la nostra serie A2 prima al fianco di Giovanni Puliafito e successivamente come head coach nelle ultime due anomali stagioni. Nonostante tutte le difficoltà, gli obiettivi stagionali sono stati sempre raggiunti. Con Saro, recentemente stoppato da un problemino di salute, abbiamo convenuto che è reciproca volontà continuare il rapporto in termini e modi da approfondire, in base alle esigenze e alle aspettative di entrambi. Salutiamo con grande affetto il nostro nuovo allenatore Zeljko Kovacic, al quale affidiamo il nostro futuro. Sul suo conto abbiamo ricevuto solo feedback positivi sotto l’aspetto umano e tecnico. Non a caso, oltre a guidare la nostra squadra maggiore, si occuperà anche della under 18 e coordinerà il settore giovanile. Non vediamo l’ora di averlo con noi. Rappresenterà una bella spallata per il nostro movimento e siamo certi  – conclude – traccerà un solco tecnico e organizzativo da cui trarremo grandi benefici. Zeljko è arrivato grazie al lavoro paziente e certosino del nostro Direttore Spotivo Andrea Scirè e del Direttore Generale Enzo Riggio, veri artefici dell’operazione. Buon lavoro Kova!”.

“Ho creduto fin dal primo momento alla bontà del progetto tecnico – dichiara Enzo Riggioche prevede l’arrivo di Kovacic e mi fa piacere aver contribuito al buon esito della trattativa. Sono sicuro che la sua competenza e il suo carisma daranno una spinta a tutto il movimento ed in particolare al settore giovanile del quale, sono certo, si occuperà con particolare attenzione. Il mio affettuoso pensiero va al Prof. Scorza, con il quale ho condiviso tutto. Desidero fortemente che lui rimanga al nostro fianco e che continui a darci, come sempre, il suo prezioso contributo”.

“La scelta di Kovacic – ammette Andrea Scirèmai come questa volta è stata scelta all’unanimità all’interno della dirigenza. È stato un atleta formidabile e già all’epoca tutti affermavano che sarebbe stato un predestinato della panchina. Sono convinto che il suo arrivo sarà una svolta per noi ma anche per tutta il movimento catanese, per il suo modo di pensare la pallanuoto. Ringrazio e dimostro tutta la mia gratitudine a Saro Scorza che in un periodo così difficile,  è riuscito a fare tantissimo per i Muri Antichi”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*