Discarica incontrollata di rifiuti speciali scoperta dalla Guardia di Finanza a Motta Sant’Anastasia, sequestrata area di oltre 3.000 metri quadri e 5 capannoni abusivi

La discarica scoperta dalla Guardia di Finanza

Un terreno di oltre 3 mila metri quadrati adibito a deposito incontrollato di rifiuti è stato sottoposto a sequestro dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania nel Comune di Motta S. Anastasia. In particolare, i finanzieri della Compagnia del capoluogo, impegnati in attività di servizio per la tutela ambientale, hanno proceduto alla ricognizione dei terreni di proprietà di un’azienda agricola ed hanno individuato un vasto terrapieno scosceso costituito da voluminosi inerti edilizi derivanti da attività di demolizione edifici, nonché pneumatici usati, ovvero rifiuti speciali illecitamente smaltiti in violazione delle norme ambientali.

Con l’ausilio di personale dell’Ufficio Tecnico del Comune, le Fiamme Gialle hanno inoltre appurato che ben cinque capannoni, adibiti a deposito materiali per l’edilizia ed aventi una superficie complessiva coperta di oltre 1.300 metri quadri, erano stati realizzati in assenza di qualsivoglia autorizzazione amministrativa.

L’intervento si è quindi concluso con il sequestro della suddetta area adibita a discarica e dei cinque capannoni, nonché con la contestuale denuncia a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria di due fratelli mottesi, resisi responsabili della realizzazione deldeposito incontrollato di rifiuti speciali e della costruzione abusiva dei capannoni.  L’operazione rientra nel settore delle attività svolte dalla Guardia di Finanza a tutela dell’ambiente e si inquadra nel più ampio dispositivo di controllo del territorio disposto dal sovraordinato Comando Provinciale.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*