Hockey Prato, sconfitta e pareggio per le formazioni della Polisportiva Valverde

Serie A1/F – La Polisportiva Hockey Valverde cede in casa all’Amsicora

Primo stop stagionale per la formazione femminile della Polisportiva Valverde. Le ragazze allenate da Trinidad Canon cedono, tra le mura amiche del “Comunale”, alle rivali dell’Amsicora, che s’impongono con il risultato di 1-2, nella gara valida per la seconda giornata di Serie A1.

Confronto e equilibrato e agonisticamente intenso, quello odierno. Con le valverdesi che, paradossalmente, trovano con più continuità occasioni di tiro ma con meno lucidità rispetto alle sarde.

La gara si decide nella prima parte. Sono le ospiti a passare in vantaggio, al 18′ del primo quarto con Maryna Khilko che buca Marletta. La reazione delle padrone di casa si concretizza nel secondo “mini – tempo” con Dalila Mirabella che riporta in parità la partita. Il raddoppio delle ospiti arriva a stretto giro di posta: al 21′ la coppia arbitrale decreta un tiro di rigore per le cagliaritane, che capitalizzano con Carta.

Si va al riposo sull’1-2. La seconda parte di gara vede le etnee proporsi in avanti con continuità. Al 10′ le padrone di casa guadagnano un tiro di rigore, ma sul tiro di Dalila Mirabella è bravissima Marianna Aramu, che respinge la conclusione. Nel finale le etnee guadagnano ben tre corti non capitalizzati nel finale. Finisce 1-2.

A fine gara Trinidad Canon commenta così la prestazione della sua squadra: “Abbiamo perso contro una squadra valida e giocatrici di valore. Potevamo anche vincerla o non perderla. Loro sono state brave a capitalizzare un rigore che noi, invece, abbiamo sbagliato. Purtroppo abbiamo perso questi tre punti in casa, che sarebbero stati importanti. Il torneo sta entrando adesso nel vivo, dobbiamo amalgamare bene la squadra ed abituare le straniere ai movimenti che vogliamo. Mi spiace aver perso, ma non abbiamo giocato al top. Ma per la settimana mi porto dietro il fatto che, pur non giocando bene, avremmo potuto vincerla, Probabilmente il pari sarebbe stato il risultato più giusto”.

La capitana etnea, Dalila Mirabella, spiega: “Sapevamo che sarebbe stata difficile. L’abbiamo giocata alla pari. Nel primo tempo abbiamo avuto più occasioni noi, siamo entrate con più aggressività. Abbiamo pagato qualcosa sui corti. Non siamo state molto precise in area e questa è una cosa che con loro non possiamo permetterci”.

TABELLINO

POLISPORTIVA HOCKEY VALVERDE – S.G. AMSICORA 1-2

POLISPORTIVA VALVERDE: Marletta, R, Mirabella, Bonfiglio, Baldanza, Carrizo, Cuccurullo, Debandi Concatti, Landro, Maldonado, D. Mirabella, Baldanza, Angelino, Fresta. Allenatrice: Trinidad Canon

S.G. AMSICORA: Aramu, Belloni, Carta, Cavicchioli, Ceratto, Eschoyez, Granatto, Khilko, Olla, Scarpa, Stagno, Traverso. Allenatrice: Lilliu.

Marcatrici: Khilko (A) al 18′ 1Q; D.Mirabella  (V) al 18′ 2Q; Carta (A) al 21′ 2Q (rig).


Arbitri: Borda-Macchi

DTC: Di Maria

Crono: A cura della FiCR

Serie A2/M – Pari pirotecnico tra CSP San Giorgio e Polisportiva Valverde    

Reti, rimonte e grande agonismo. Il 4-4 tra CSP San Giorgio e Polisportiva Hockey Valverde (nella foto di  Foto di Serena Patané) ha riservato emozioni e grande spettacolo.

Il match, valido per la seconda giornata del Girone A di Serie A2, vede partire meglio gli uomini allenati da Angelo Giulio, che vedono il loro gioco esaltato dai lampi di classe di Gino Romani. L’argentino si scatena sin dai primi minuti di gioco, firmando lo 0-1 su azione, al 10′ del primo quarto, e il raddoppio etneo al15′ del primo quarto, battendo con freddezza un rigore. Il momentaneo 1-2 dei veneti arriva al 9′ della seconda mini frazione, con Tognetti che riceve palla dalla sinistra e girandosi in area valverdese trova la traiettoria di tiro giusta per battere Guida. A fine quarto è ancora Romani a ristabilire le distanze, capitalizzando un assist delizioso di Petr Bodnar, che porta a spasso metà della difesa veneta, sulla destra, prima di scodellare verso il centro la pallina sulla quale si avventa l’argentino.

Si va al riposo sull’1-3. Gli equilibri, però, sono destinati a cambiare perché i veneti non intendono mollare la presa, complice anche una doppia inferiorità numerica dei valverdesi. Grande protagonista in questa fase è  Luciano Perez, che prima trasforma un rigore, ad inizio ripresa, e poi fulmina Guida su corto, al 15′ della stessa mini frazione. Ed è ancora il giocatore veneto a firmare il sorpasso dei padroni di casa, al 10′ dell’ultimo quarto, ancora su azione da corto. Per Valverde sembrerebbe essere un colpo troppo difficile da digerire. Ma Lupo e compagni giocano gli ultimi minuti all’insegna del forcing e guadagnano il pari a 2 minuti dalla fine, con Metwaly che emette la solita “sentenza” da corto. Negli istanti finali è ancora l’egiziano a tentare il controsorpasso, ancora da corto, provando a indirizzare la pallina verso Castagnino, appostato sul palo alla destra del portiere. Finisce 4-4.

Nel post gara mister Angelo Giulio non nasconde un pizzico di delusione: “Peccato non tanto per il risultato ma per come si era messa la partita. La doppia inferiorità ci ha penalizzati. Ma questo non deve essere un alibi. Dobbiamo cercare di imparare dagli errori commessi oggi per tornare, già da sabato prossimo a Pistoia,  a fare punti importanti per tenerci nelle prime posizioni di gara. Il campionato è ancora molto lungo e c’è tanto lavoro da fare”.

TABELLINO

CSP SAN GIORGIO HOCKEY – POLISPORTIVA HOCKEY VALVERDE  4-4

CSP SAN GIORGIO:  D. Saoncella, Modenese, Gallinaro, Kumar, Tognetti, Galetto, Perez, E. Tognetti, F. Gallinaro, Bonis, Da. Saoncella.

A disposizione: Andreella, Singh, Pernechele, Moro, Ciancaglia, Perin. Allenatore: Missaglia

POLISPORTIVA VALVERDE: Guida, Picano,  Metwaly, Lupo, Cantale, Castagnino, Figueroa, Sapienza, Romani, Bodnar, Caruso.

A disposizione: Di Stefano, Lo Giudice, Arena. Allenatore: Giulio

Marcatori: Romani (V) al 10′ 1q, 15′ 1q (rig) e 17′ 2q,  Metwaly (V) al 15′ 4q; Tognetti (SG) al 9′ 2q, Perez( SG) al 1′ 3q (rig), 15′ 3q e 10′ 4q.

Espulsi: M. Gallinaro (SG)

Arbitri: Barbieri – Bedendo.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*