Massimo Nicotra head coach dei Briganti di Librino

Massimo Nicotra

Laureato in Pedagogia, allenatore di 1° livello sia nel codice di Rugby Union (il rugby a XV famoso per il VI Nazioni) che di Rugby League, il rugby a XIII apprezzato per velocità, immediatezza e spettacolarità, Massimo Nicotra da questa stagione, che inizia nel fine settimana, è Head Coach dei Briganti di Librino. Nel contempo, è responsabile di attività ludico/sportive a Villa Fazio (Librino), bene sottratto alla mafia. Svolge inoltre l’attività di Educatore nei comuni di Catania, Gravina di Catania e Mascalucia. Si occupa di minori a rischio devianza o sotto la tutela del Tribunale per i minorenni.
Grande la passione per la palla ovale: giocatore prima e allenatore poi nel San Gregorio, di cui è stato responsabile del settore giovanile. Chiusa l’esperienza con il San Gregorio costituisce, insieme a dei visionari della palla ovale, la prima società di rugby ad Acireale che, in soli tre anni, disputa due campionati di serie C vantando un settore giovanile che parte dalla Under 8 sino ad arrivare alla Under 12.
Spostatisi ad Aci Catena per gli endemici problemi dei campi da gioco, viene costituita una nuova società che parte dalla under 6 fino ad arrivare alla under 14. Anche qui tre anni intensi prima che venisse sottratta la disponibilità del campo da gioco. A seguire diventa allenatore dell’Amatori Catania under 14, sin qui ultimo impegno in ordine temporale per Nicotra nel rugby a XV prima dell’impegno nei Briganti Librino.

Importante e di alto livello il ruolo nel rugby XIII: Allenatore e Presidente della franchigia degli Spartans Catania Rugby League, vice campioni d’Italia nell’ultimo campionato sin qui disputatosi. Vice Allenatore della Nazionale Femminile di Rugby League nel biennio 2016/2017. Attualmente al lavoro per il rilancio del codice a XIII in Sicilia e fuori dalla Sicilia.

La passione dei Briganti Librino in campo

Tornando al rugby a XV, ecco nel contempo arrivare la chiamata dai Briganti di Librino, che nascono nel 2006 e che nel 2012, per la già citata mancanza di campi da gioco, occupano un impianto pubblico: il San Teodoro. Un campo, due palestre, spogliatoi e club-house, progettato per le Universiadi del 1997 e realizzato con denaro pubblico; poi dismesso, vandalizzato, ma mai dimenticato. II 12 maggio 2015 ecco finalmente conquistato con una convenzione di comodato d’uso gratuito per sei anni, da poco rinnovati. Briganti: “illegali”, ma giusti, idealisti e romantici, ma al tempo stesso pratici e concreti.
I Briganti operano in uno dei tanti quartieri catanesi frettolosamente archiviati come “difficili”, ma che al suo interno ha un mondo composito e, il più delle volte, abbandonato dalle istituzioni. Apparentemente privo di alternative, ma denso di un lavoro meritorio di chiese, associazioni, circoli e dal mondo dello sport. Tra questi i Briganti che hanno portato i sani valori del rugby a Librino per cercare di strappare i bambini ai tentacoli della devianza. E adesso, ecco che a loro si aggiunge il coach Massimo Nicotra, in una sinergia di forze che certamente porterà risultati sia sul campo, che soprattutto nella società.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*