Serie C, il Catania torna alla vittoria con la doppietta di Moro, battuto 2-1 il Potenza

Catania-Potenza: 2-1

Dopo due sconfitte consecutive il Catania di Francesco Baldini torna alla vittoria (2-1) al “Massimino” e lo fa grazie ad una doppietta del suo bomber Luca Moro (16 reti su14 gare e 7 su rigore), sempre più decisivo, contro un Potenza incompleto, ma che, comunque, si è impegnato al massimo rimettendo in discussione il risultato a 20′ dalla fine grazie alla rete di Ricci e sfiorando anche il pari con lo stesso giocatore al 92′.

Rossazzurri che hanno iniziato la partita con due punte, Sipos e Moro, contro un Potenza molto rimaneggiato e schierato con un 4-5-1 e con il solo giovane Volpe in attacco e l’esperto Ricci che ha giocato dietro il giovane centravanti. Primo tempo giocato con intensità dai padroni di casa, ma il Potenza si è ben difeso costruendo però quasi nulla in avanti. Quando il primo tempo sembrava dovesse chiudersi a reti inviolate ecco il vantaggio degli etnei nel recupero: al 47′ fallo del portiere Marcone su Russotto e l’arbitro assegnava il rigore che il solito Moro trasformava con freddezza. La prima frazione si chiudeva al 48′ con il Catania in vantaggio 1-0.

Il bomber Moro (Foto Calcio Catania)

Nel secondo tempo Catania intenzionato a mettere in cassaforte la vittoria ed al 59′ arrivava il raddoppio: ancora Moro calciava in rete la ribattuta di Marcone sulla conclusione di Russotto e realizzava la sua doppietta.

Partita chiusa? Niente di tutto questo, infatti il Catania sfiorava il 3-0 ma al 72′ il Potenza riapriva la partita, complice la solita disattenzione della retroguardia rossazzurra ed era Ricci che calciava in rete sugli sviluppi di un cross dal fondo di Sepe.

A questo punto il Potenza provava a centrare il pari e quasi ci riusciva nei 4′ di recupero, infatti al 92′ Ricci, dopo un batti e ribatti in area rossazzurra, calciava alto con il sinistro. Il risultato non mutava ed il Catania si aggiudicava l’incontro per 2-1. I rossazzurri torneranno in campo il 5 dicembre in casa del Latina.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*