“Ricordi? Ritratti Fotografici Stampati”, a Palermo con Valerio Spada fino al 9 gennaio

Ricordi Ritratti fotografici stampati - Valerio Spada

Arriva per la prima volta a Palermo in occasione delle festività natalizie il progetto “Ricordi? Ritratti Fotografici Stampati”, avviato nel 2018 dal fotografo ligure Settimio Benedusi, che vede grandi ritrattisti italiani (anche quest’anno tra gli altri Oliviero Toscani) al lavoro per far riscoprire la bellezza e la potenza emotiva di una fotografia stampata e incorniciata.

Ritratto

Le foto fermano nel tempo i nostri ricordi più cari, ci ricordano chi siamo e chi siamo stati; sono la forma più tangibile della nostra memoria. Tuttavia, spesso riserviamo loro un trattamento disastroso, conservandole su cellulari destinati a rompersi o a essere smarriti, cancellando attimi delle nostre vite che nessuno potrà restituirci. Assuefatti al mondo del digitale, affidiamo a supporti precari le foto dei nostri figli appena nati, dei nonni o perché no, dei nostri cuccioli a quattro zampe.

Quale periodo migliore delle festività natalizie per riprendere le belle tradizioni di una volta? A Palermo fino al 9 gennaio, Valerio Spada, fotografo insignito della prestigiosa Guggenheim Fellowship e autore di scatti per Replica Man, Vogue Italia, Re-Edition, Twin, GQ Mexico, Vogue Mexico, ma anche di copertine per cantautori come Vinicio Capossela e Biagio Antonacci, ha allestito un set fotografico con vista sul mare, nei locali appena ristrutturati della Sirenetta di Mondello (ingresso da Via Principe di Scalea, 7).

Qui sarà possibile farsi ritrarre da soli, insieme agli amici o con la famiglia e tornare a casa con una stampa d’autore firmata, da conservare per sé o da regalare ai propri cari.

Prenotare è facilissimo. Basta andare sul sito www.ricordistampati.it e selezionare il giorno e l’orario preferiti. https://ricordistampati.it/palermo-spada/

Sullo stesso sito è anche possibile prenotare un buono regalo da recapitare via e-mail come originale dono di Natale.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*