Catania Calcio, il Tribunale fallimentare concede esercizio provvisorio fino al 28 febbraio, adesso si potrà procedere al bando per la cessione del titolo sportivo

Logo Catania Calcio

Parlare di calcio giocato, a Catania e dintorni, è diventato ormai quasi un optional. Il rinvio delle partite della 19^ giornata è stato infatti disposto dalla Lega di C a causa dell’aumento esponenziale dei contagi tra i giocatori delle squadre partecipanti al campionato: niente trasferta ad Andria per il gruppo guidato da mister Francesco Baldini, con gli allenamenti a Torre del Grifo che sono sospesi per il preoccupante numero di positivi all’interno del gruppo squadra.

I risultati del campo, però, sono inevitabilmente scivolati in secondo piano, lo choc del fallimento, decretato dal Tribunale del capoluogo etneo lo scorso 22 dicembre, è infatti una ferita ancora fresca per tutti quelli che hanno amato la gloriosa e ormai scomparsa matricola 11700. Fino a stamattina la situazione era drammatica e, non esisteva certezza in merito al fatto che la società potesse portare a termine il campionato in corso.

In queste ore il destino della sopravvivenza stessa del titolo sportivo è stato in bilico e a rischio. Le strade che si aprivano erano sostanzialmente due. La prima, drammatica, col definitivo tramonto del Calcio Catania, con i soci SIGI incapaci di versare la somma pattuita e la relativa scomparsa dei gloriosi colori rossazzurri dal calcio professionistico. La seconda invece quella che poteva portare a una rinascita anche nel giro di un paio di mesi. La conditio sine qua non era che entro oggi il Tribunale doveva avere in cassa il denaro necessario a portare avanti l’esercizio provvisorio del club nelle prossime settimane. La proprietà, stando alle ultime indiscrezioni, avrebbe raccolto una somma vicina ai 300 mila euro: altra liquidità dovrebbe arrivare da alcuni fondi bloccati in Lega e da altri provenienti dalla Agenzia delle Entrate.

Lo stadio “Massimino”

Nel tardo pomeriggio il Tribunale fallimentare ha concesso al Calcio Catania l’esercizio provvisorio fino al 28 febbraio prossimo. I giudici hanno confermato la decisione assunta anche per non tagliare fuori i creditori, come per esempio l’Agenzia delle Entrate. Adesso partirà il mercato e alcuni contratti dei calciatori dovranno essere abbassati o eliminati per fare quadrare i conti. Si potrà procedere al bando per la cessione del titolo sportivo ad eventuali acquirenti. Per quanto riguarda il calcio giocato si ripartirebbe in questo caso dalla giornata numero 22, con la squadra etnea in campo al “Massimino” il 16 gennaio per sfidare la Paganese: con i pronostici di Sportytrader.it gli appassionati potranno trovare delle dritte sulle sfide più calde della Serie C, oltre alla Serie A e ai tornei internazionali più importanti 7 giorni su 7. La speranza, adesso,è quella di poter tornare presto a parlare soltanto di calcio giocato: la città di Catania e i suoi calorosi tifosi lo meriterebbero.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*