Controlli delle forze dell’Ordine nel fine settimana nelle zone della movida, multati esercizi pubblici e giovani senza green pass

Controlli della Polizia

Nelle serate di sabato e domenica scorsi, con propria ordinanza, il Questore di Catania ha predisposto nel capoluogo etneo un massiccio servizio di controllo nelle zone della movida e dell’area dove insistono numerosi pub. La ripresa delle attività produttive, nell’attuale momento storico dovuto alla pandemia, ha accentuato il fenomeno della movida nelle zone del centro storico che, specie nei giorni del fine settimana, è caratterizzata dalla presenza di molti giovani che affollano i locali, con risvolti sulle condizioni di sicurezza urbana e criticità connesse alle condizioni di vivibilità degli spazi comuni. Inoltre, l’impennata del trend delle infezioni da Covid-19, che ha pure portato la Sicilia in “zona arancione”, impone l’osservanza delle norme “anticontagio”, ritenute le migliori possibilità, insieme ai vaccini, di un ritorno alla “vita normale”.

In particolare, sono stati garantiti servizi di pattugliamento attivo nelle aree di via Teatro Massimo e piazza Vincenzo Bellini, dove si concentrano un grande numero di locali che costituiscono la maggiore attrattiva per i giovani avventori. Sono stati impiegati diversi agenti della Polizia di Stato unitamente ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza e alla Polizia Locale, collaborati dalla Squadra del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, dalla Squadra Cinofili dell’UPGSP e dalla Squadra Amministrativa della Divisione Amministrativa e Sociale della Questura. Il tutto, con la vigile presenza di unità del X Reparto Mobile, a garanzia dell’ordine pubblico.

Sono state controllate oltre sessanta persone, per le quali è stato anche verificato il possesso del green pass, necessario per la consumazione nei locali pubblici. In questo ambito, gli agenti della Polizia Amministrativa e Sociale, unitamente a personale della Polizia Locale, hanno controllato numerosi esercizi di ristorazione; tra essi, un pub di via Teatro Massimo, il cui titolare è stato contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico, con contestuale sequestro amministrativo di 10 tavolini e 29 sedie. Ancora controlli amministrativi per una sala giochi, la cui titolare è stata contravvenzionata per la presenza di un assembramento di diversi ragazzi che non indossavano la mascherina mentre giocavano a calcio balilla. Per tale motivo è stata comminata la sanzione di euro 400.00 ed è stata applicata la sanzione accessoria della chiusura dell’attività per giorni 5; sanzioni verranno comminate anche agli esercenti la potestà genitoriale dei sei giovani avventori i quali, al controllo di polizia, sono stati trovati sprovvisti di  green pass.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*