Il “Canovaccio” di Catania riapre il 26 e 27 febbraio con “Dicotomie” (Al buio le donne sono sono tutte uguali) di Roberta Amato e Alice Sgroi

Dopo le repliche di questa estate, torna in scena sabato 26 febbraio alle 21.00 e domenica 27 alle 18.00, al Teatro del Canovaccio di Catania, in via Gulli 12, “Dicotomie” (Al buio le donne sono tutte uguali), scritto, diretto e interpretato da Roberta Amato e Alice Sgroi, voce fuori campo Nicola Alberto Orofino, assistente alla regia Gabriella Caltabiano, progetto grafico Maria Grazia Marano.

Roberta Amato e Alice Sgroi

Ecco le note di regia delle due autrici ed interpreti Roberta Amato e Alice Sgroi: “Clara e Melania, due donne, due attrici. Si incontrano nei camerini di un teatro, per la prima prova di uno spettacolo che le vede entrambe protagoniste. Lo scontro è immediato. Sono diverse, estreme, dicotomiche. Tra una prova trucco e un cambio d’abito le due donne si scontrano, si confrontano, inevitabilmente si raccontano. Due donne, sebbene agli antipodi, più vicine di quanto non sembri. Dicotomie racconta, attraverso l’immaginario femminile, le molteplici sfaccettature del genere umano, poiché non esiste una sola questione femminile che non riguardi l’intera umanità. Perché attraverso le dicotomie? Perché tutti i riferimenti culturali a nostra disposizione ci rimandano a una visione polarizzata del concetto di donna, senza mezze misure. Donne lontanissime, portatrici di pensieri antitetici e sideralmente opposti, ma incredibilmente vicini, a volte, corrispondenti, spesso, capaci di metterci in crisi, sempre. E cosa sono le donne se non dicotomie su tacchi 12 (o anche su Converse, per restare in tema di dicotomie)? Diavolo e acquasanta, inferno e paradiso, bianco e nero, dannazione e salvezza, forza e fragilità, odio e amore. Clara e Melania, le donne che abbiamo scelto di raccontarvi sono esattamente così: schierate, in trincea, ferme nelle loro convinzioni oltre ogni ragionevole dubbio. Donne divergenti. Donne con la corazza, una corazza che pesa fino a crollare. Dentro la quale si nascondono fragilità, inadeguatezza, insicurezza, disagio. Clara e Melania, dicotomiche ma gemelle, entrambe figlie del “male di vivere”.
Dicotomie è un invito alla riflessione alleggerito da parentesi ironiche, caustiche, mordaci e arricchito da inserti performativi e musicali. Dall’idea alla messa in scena due donne dicotomiche in tutto ma in totale comunione di intenti nella necessità di voler raccontare, attraverso il bianco e il nero, quel caleidoscopio di colori che è l’universo femminile”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*