Ucraina: anche Fratel Biagio Conte e la missione Speranza e Carità pregano per la fine della guerra

Già da oggi, a causa dello scoppio della guerra in Ucraina, con più intensità, e dal 7 febbraio con un digiuno radicale con sola acqua e Eucarestia Fratel Biagio Conte prega perchè il mondo cambi rotta e con la Missione di Speranza e Carità sarà unito alla Chiesa tutta col digiuno e la preghiera  il 2 marzo prossimo in comunione con Papa Francesco. 

Fratel Biagio, fondatore della Missione di Speranza e Carità di Palermo che ospita in gratuità oltre 500 persone indigenti” – comunicano dalla Missione – “ sente nel suo cuore, insieme a tutta la Missione, di unirsi all’appello di Papa Francesco che ci invita a pregare e a digiunare per far terminare la guerra in Ucraina, che può mettere a rischio tutta l’umanità. E’ giusto che ci uniamo tutti insieme in digiuno e preghiera con la Santa Chiesa, le varie religioni, i popoli di tutte le Nazioni, tutte le famiglie e tutte le varie professioni per il bene, la pace e la speranza di tutta l’umanità. Facciamo tesoro della storia e non ripetiamo gli stessi errori. Ricordiamo la città di Ninive, che con la penitenza e il digiuno, ottenne misericordia da Dio e si salvò”.

Fratel Biagio continua ad offrire la sua penitenza e la preghiera dalla grotta in montagna, nel palermitano, dove dal 7 febbraio 2022 ha iniziato un digiuno radicale. Il missionario laico si è ritirato in eremitaggio dal 9 luglio 2021 per svegliare le coscienze e perché si metta fine a tutti questi mali che stanno avvilendo l’umanità e tutto il creato. “Il digiuno e la preghiera –scrive Riccardo Rossi della stessa Missione – sono strumenti per allontanare la violenza, le divisioni e mettono in pratica un passo del Vangelo: Matteo 17, 21: <Questa razza di demoni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno>. 

V.C.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*