L’imprenditore Benedetto Mancini, nuovo proprietario del Football Club Catania 1946, ha presentato il suo progetto per la città

Benedetto Mancini in conferenza stampa

Il Tribunale di Catania, dopo le dovute valutazioni, è arrivato ad una decisione. Il Football Club Catania 1946, unica società a rispondere all’invito del Tribunale a presentare offerte per l’acquisto del ramo di azienda sportivo della fallita Calcio Catania Spa, si è aggiudicata il bando ed è stata quindi inviata PEC di risposta positiva alla società di Benedetto Mancini che ha rispettato i requisiti richiesti dal bando e adesso con il rogito potrà mettere nero su bianco con l’acquisto del Catania per la somma di 500 mila euro. Adesso si dovrà condurre il Catania nel finale di campionato e poi chiedere il trasferimento del titolo sportivo con il pagamento dei debiti sportivi. 

Il logo del F.C Catania 1946

Stamattina intanto, prima dell’ufficialità del Tribunale, l’imprenditore laziale Benedetto Mancini si è presentato alla città nel corso di una conferenza stampa all’Hotel Nettuno, a Catania, per illustrare il progetto che ha in mente di realizzare, con l’aiuto di tutti, per la città.

“Credo in questo grande progetto – ha detto Mancini ai giornalisti – perché la città lo merita, un progetto non solo sportivo, ma che prevede anche una base forte sulla città, sul sociale, le scuole, la prevenzione medico-sanitaria, creando qualcosa che rimanga nel tempo e non sarà un progetto mordi e fuggi. Stasera il Catania gioca grazie a me, sarò allo stadio, ma ho già seguito quasi tutte le partite. Ho dimostrato amore per questo progetto in cui tutti, anche giornalisti, istituzioni, Forze dell’Ordine, Tribunale in questo caso e tifosi dobbiamo essere attori. Soprattutto i tifosi, perchè una società di calcio vive dei tifosi. A giugno avremo le liberatorie per i debiti sportivi traslando il titolo alla nuova matricola della FC Catania 1946. A quel punto, primo percorso completato. Acquisizione, fine campionato, recupero del diritto sportivo, successivamente iscrizione e fideiussione. Percorso a tappe, c’è un timing ben preciso che già sappiamo. Qui voglio mettere radici serie e portare insieme ai tifosi dei risultati veri per un progetto duraturo“.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*