Serie C, disfatta del Catania in casa del Foggia, etnei travolti 5-1, rete della bandiera di Greco

Esulta il Foggia per il 5-1 con il Catania

Disfatta nel pomeriggio allo “Zaccheria di Foggia per il Catania di Francesco Baldini travolto con un 5-1 dalla squadra di Zdenek Zeman che non ha dato scampo dal primo minuto del primo tempo agli ospiti che dovuto solo osservare la velocità, i fraseggi, la precisione della squadra di casa. Partita già decisa nei primi 45′ con i puglisesi capaci di andare in rete ben cinque volte e davvero implacabili nei calci da fermo e con i tiri da lontano. Rossazzurri che invece hanno evidenziato le difficoltà emerse al “Massimino” contro il Cambobasso non riuscendo a giocare come sanno a causa anche del pressing asfissiante dell’undici di Zeman che soprattutto nella prima frazione non ha sbagliato nulla. Solo nella ripresa i rossazzurri hanno provato a rimontare e sono riusciti a segnare solo con Greco, ma oggi la squadra ha fatto un passo indietro in chiave salvezza e mercoledì prossimo il Catania è atteso in trasferta dal recupero con l’Avellino che oggi in casa ha pareggiato 1-1 con il Messina, ma che occupa sempre la terza posizione in classifica.

Padroni di casa già in vantaggio al 1′ con Merola che, servito da un cross di Petermann, di testa batte il portiere Sala. Al 7’ padroni di casa ancora pericolosi con Curcio che, su punizione, prova il tiro e Sala in tuffo respinge. Al 17’ raddoppio del Foggia con Curcio che, da circa 25 metri, effettua un tiro e la palla prima colpisce la traversa e poi finisce in rete. Al 25’ terza rete pugliese con un tiro, da circa 35 metri, di Ferrante che si insacca all’incrocio dei pali di Sala. Al 34’ il Catania si fa vedere in avanti con un colpo di testa di Rosaia ma il portiere Dalmasso si fa trovare pronto. Ed al 39’ arriva il quarto gol con una magistrale punizione di Petermann che si insacca alle spalle di Sala. I primi 45′ si chiudono con il 5-0 realizzato al 44’ ancora da Merola abile a raccogliere un cross di Rizzo e, di testa, indisturbato tra due difensori etnei, a battere ancora il portiere Sala.

Nella ripresa il tecnico Baldini inserisce Zanchi, Cataldi, Piccolo, Simonetti ed Izco e la prima occasione è al 55’ per gli etnei con un calcio di punizione di Piccolo che termina alto. Catania ancora pericoloso con Greco, servito da Moro e poi al 78′ rossazzurri che trovano la rete della bandiera con Greco che raccoglie un cross tagliato e, a porta sguarnita, realizza il 5-1. All’88’ Foggia ancora in avanti con Rizzo Pinna che, dal limite dell’area, prova il tiro, ma Sala in tuffo allontana la minaccia. La partita, dopo 2 minuti di recupero si chiude sul 5-1. Davvero un pomeriggio negativo e da dimenticare per gli uomini di Baldini mentre in festa e gasati per il rotondo risultato i ragazzi di mister Zeman.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*