Calcio Catania, niente aiuti dalla Lega, si cerca una soluzione per continuare il campionato

Lo stadio "Massimino"

Alla richiesta giunta dei curatori del Tribunale di un intervento o contributo di carattere economico finanziario straordinario per la regolare prosecuzione del campionato la Lega è stata categorica: non ci sono soldi né condizioni. Il presidente della Lega Francesco Ghirelli ha detto di non poter creare disparità di trattamento con gli altri club. In Tribunale, quindi, ora curatori e dirigenti del Catania si stanno confrontando e si sta cercando di vedere se è possibile prorogare l’esercizio provvisorio, per il lasso di tempo necessario per far concludere al Catania il campionato e non sconvolgere il girone C, che si vedrebbe riscritta la classifica. Se così non fosse, il Catania rischia di essere escluso subito dal campionato.

L’esclusione dal campionato per il Catania è quindi dietro l’angolo, ma ancora non è tecnicamente avvenuta: l’esercizio provvisorio scadrà infatti il 19 aprile e bisogna quantomeno attendere le prossime mosse del Tribunale, unico a poter decidere in merito. Fino a quella data, specie considerando l’ipotesi di una proroga dell’esercizio provvisorio già ventilata dai giudici siciliani (che potrebbero però anche revocarlo, a partire da oggi, per non aggravare il quadro economico), FIGC e Lega non possono estromettere il Catania, a meno che non siano i calciatori a decidere di non scendere in campo nelle prossime partite. Solo in presenza di una disponibilità economica, la curatela potrebbe chiedere al Tribunale di continuare l’esercizio provvisorio in atto e giocare domenica contro il Latina.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*