Guselkumab in artrite psoriasica: nuove prospettive per la cura della malattia

Una buona notizia per i circa 21mila1 siciliani malati di artrite psoriasica: è rimborsato dal servizio sanitario nazionale, in classe H, guselkumab, primo e unico farmaco biologico completamente umano che inibisce selettivamente la citochina IL-23, regolatore chiave nella patogenesi della malattia psoriasica. Sviluppato da Janssen, azienda farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson, il farmaco, già rimborsato dal 2018 nell’indicazione psoriasi a placche, è soggetto a prescrizione medica limitativa, vendibile al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti reumatologo, dermatologo o internista (RRL).2

L’artrite psoriasica è una malattia infiammatoria cronica immuno-mediata, con impatto importante sulla qualità della vita. Provoca dolore, rigidità e gonfiore delle articolazioni; insorge comunemente tra i 30 e i 50 anni, ma può svilupparsi a qualsiasi età. Nei pazienti affetti da artrite psoriasica, spesso sono presenti comorbidità come obesità, malattie cardiovascolari, malattie infiammatorie intestinali, ansia e depressione. L’artrite psoriasica è spesso associata alla psoriasi e si stima che circa il 30 per cento dei pazienti affetti da psoriasi sviluppino l’artrite psoriasica nel corso degli anni.

«Le persone che soffrono di artrite psoriasica convivono con diversi disturbi delle articolazioni, dei tessuti molli e della cute, che impattano in modo significativo su funzionalità fisica e benessere sociale e psicologico. L’eterogeneità di manifestazione della malattia e la sua potenziale gravità rendono fondamentale offrire trattamenti efficaci, sicuri e durevoli nel tempo. Ad oggi, con i farmaci in uso, un certo numero di pazienti, non raggiunge i target terapeutici di remissione o ridotta attività di malattia oppure non riesce a mantenerli a lungo nel tempo»commenta Roberto Gerli, Professore Ordinario di Reumatologia presso l’Università di Perugia e Presidente della SIR, Società Italiana di Reumatologia.

Sono numerosi i dati provenienti dagli studi clinici a sostegno dell’efficacia di guselkumab nel trattamento dell’artrite psoriasica; in sintesi, tali dati evidenziano come il farmaco 100mg alla settimana 0, 4 ed a seguire ogni 8 settimane permetta di raggiungere, a 6 mesi nel 64 per cento ed a 1 anno nel 75 per cento dei pazienti trattati, la risposta ACR203,4, che indica il miglioramento di almeno il 20 per cento rispetto al basale del numero di articolazioni dolenti e tumefatte e di tre tra i seguenti cinque criteri relativi a valutazione globale del paziente, valutazione globale del medico, valutazione della funzionalità fisica, scala analogico visiva (VAS) del dolore e velocità di eritrosedimentazione (VES) o proteina C-reattiva. Guselkumab, inoltre, protegge dalla progressione del danno articolare, secondo i risultati dello studio DISCOVER-2 a 2 anni5.

I dati completi di efficacia e sicurezza di guselkumab provenienti dallo studio DISCOVER-2 sono stati pubblicati di recente su Arthritis & Rheumatology5. Si tratta dei risultati conclusivi del primo studio clinico della durata di 2 anni che abbia valutato una terapia con un inibitore selettivo dell’interleuchina 23 nell’artrite psoriasica attiva. I risultati mostrano che la maggior parte dei pazienti adulti con malattia attiva, naïve ai farmaci biologici, e trattati con guselkumab ottiene miglioramenti significativi nei segni e nei sintomi articolari (risposta ACR20/50/70) e clearance cutanea completa (Investigator’s Global Assessment [IGA] pari a 0, raggiungimento del Psoriasis Area Severity Index [PASI] 100) e che tali percentuali aumentano progressivamente nel tempo, mantenendosi poi fino ai 2 anni di durata dello studio (100 settimane).

In aggiunta, ulteriori dati di guselkumab nel trattamento dell’artrite psoriasica attiva, pubblicati da poco su Annals of the Rheumatic Diseases (studio COSMOS)6, dimostrano un miglioramento significativo e duraturo dei segni e dei sintomi della malattia psoriasica anche nei pazienti adulti con precedente fallimento agli inibitori del TNF alfa. Quando trattati con guselkumab, il 44,4 per cento di questi pazienti ha ottenuto la risposta ACR20 alla settimana 24, rispetto al 19,8 per cento di chi è stato trattato con placebo. L’efficacia di guselkumab si è manifestata già dalla settimana 4; i tassi di risposta articolare hanno poi continuato a migliorare, con il 57,7 per cento dei pazienti trattati con guselkumab che ha raggiunto la risposta ACR20 ad un anno (settimana 48 – NRI). Analoghi miglioramenti sono stati osservati anche nella funzionalità fisica e nei tassi di risoluzione di entesite e dattilite.

Anche dal punto di vista della sicurezza guselkumab mostra un profilo favorevole, con basse percentuali di eventi avversi che hanno portato all’interruzione del trattamento: a 2 anni la sua tollerabilità è paragonabile a quella riscontrata dopo sei mesi ed in linea con quella rilevata nel trattamento di pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave4. Ancora in base ai dati dello studio DISCOVER-2, 9 pazienti su 10 che avevano iniziato il trattamento con guselkumab lo utilizzavano ancora dopo 2 anni e, negli studi VOYAGE-1 e VOYAGE-27 per il trattamento della psoriasi a placche, 8 pazienti su 10 erano ancora in trattamento con il farmaco dopo 5 anni.

“L’artrite psoriasica può accompagnare la psoriasi, ma può manifestarsi anche prima dell’insorgenza della psoriasi. Oggi sempre più si parla di malattia psoriasica perché oltre le manifestazioni articolari e cutanee in oltre la metà dei pazienti è presente una comorbidità”, commenta Rosario Foti, Responsabile U.O. Reumatologia, Policlinico – G. Rodolico S. Marco, Catania. “Le problematiche cardiovascolari sono quelle più frequenti e sono causate dall’aumento della presenza di ipertensione, dislipidemia, diabete e obesità, ma anche dallo stato di infiammazione cronica che caratterizza la malattia. L’interessamento infiammatorio dell’intestino e dell’occhio sono frequenti. Depressione e fibromialgia accompagnano spesso la malattia. È molto importante avere un approccio multidisciplinare e una condivisione di informazioni e conoscenze tra i diversi specialisti. La disponibilità di nuovi farmaci come guselkumab, efficace nella gestione delle multiformi manifestazioni della malattia psoriasica con un buon profilo di sicurezza, rappresenta una nuova ed innovativa opportunità terapeutica. L’innovazione unita ai Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) di governance clinico-economica, sono essenziali per la gestione della malattia psoriasica e vengono attuati nell’ambulatorio congiunto dell’Ospedale S. Marco di Catania, riconosciuto e certificato da oltre 5 anni.”

Guselkumab è dotato di un meccanismo d’azione peculiare: si lega selettivamente alla subunità p19 della IL-23 e ne inibisce l’interazione con il suo recettore. La subunità p19 è specifica di IL-23, quindi guselkumab ne blocca gli effetti senza influenzare quelli di altre citochine come, per esempio, IL-12 e IL-17 che, a concentrazioni fisiologiche, sono invece, importanti per la difesa verso i patogeni e per il mantenimento dell’integrità di barriera. Ciò significa che anche quando viene inibita l’IL-23, le risposte immunitarie di difesa possono comunque mettersi in atto.

«In Janssen, la ricerca immunologica è sempre stata all’avanguardia», dice Daniela Frigerio, Therapeutic Area Medical Manager, Immunology di Janssen Italia. «Dall’avvento delle terapie biologiche, avvenuto più di 30 anni fa, abbiamo sviluppato il primo anticorpo monoclonale mirato al sistema immunitario, fornendo ai pazienti una soluzione efficace che poteva agire in maniera importante sulla sintomatologia. Abbiamo, quindi, continuato ad ampliare le nostre conoscenze sul processo infiammatorio e, grazie a questo, siamo stati i primi a sviluppare terapie che intercettano nuovi percorsi infiammatori e che possono migliorare sostanzialmente la vita dei pazienti. Le nostre scoperte hanno cambiato la vita di milioni di persone in tutto il mondo e continuiamo a lavorare per trattamenti sempre migliori, capaci di arrestare e persino curare le malattie immuno-mediate», conclude.

Bibliografia

  1. Dato elaborato a partire da prevalenza PsA nella popolazione italiana, pari a 420 casi per 100.000 abitanti (Migkos et al. 2019; Salaffi et al. 2005) riparametrato sulla popolazione della Sicilia (DemoIstat 2022).
  2. https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/tremfya-epar-product-information_it.pdf
  3. Mease PJ, et al. Guselkumab in biologic-naive patients with active psoriatic arthritis (DISCOVER-2): a double-blind, randomised, placebo-controlled phase 3 trial. The Lancet 2020;395(10230):1126–1136.
  4. McInnes IB, et al. Efficacy and Safety of Guselkumab, an Interleukin-23p 19–Specific Monoclonal Antibody, Through One Year in Biologic-Naive Patients with Psoriatic Arthritis. Arthritis & Rheumatology 2021 Apr;73(4):604–616. doi:10.1002/art.41553.
  5. McInnes IB, et al. Long-term Efficacy and Safety of Guselkumab, a Monoclonal antibody Specific to the p19 Subunit of Interleukin-23, Through 2 Years: Results from a Phase 3, Randomized, Double-blind, Placebo-controlled Study Conducted in Biologic-naïve Patients with Active Psoriatic Arthritis. Arthritis Rheumatol. 2021 Nov;online ahead of print. doi:10.1002/art.42010.
  6. Coates LC, et al. Efficacy and Safety of Guselkumab in Patients with Active Psoriatic Arthritis who are Inadequate Responders to Tumor Necrosis Factor Inhibitors: Results Through One Year of a Phase 3b, Randomized, Controlled Study (COSMOS). Ann Rheum Dis. 2022 Mar;81(3):359-369. doi: 10.1136/annrheumdis-2021-220991. Epub 2021 Nov 24.
  7. Reich K et al. Five-year maintenance of clinical response and health-related quality of life improvements in patients with moderate-to-severe psoriasis treated with guselkumab: results from VOYAGE 1 and VOYAGE 2. Br J Dermatol. 2021 Dec;185(6):1146-1159. doi:10.1111/bjd.20568. Epub 2021 Sep 8.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*