Domani alla Biblioteca Navarria Crifò, a Catania, l’incontro “A 30 anni da Falcone e Borsellino – Stragi di mafia, stragi di Stato” con il giornalista Attilio Bolzoni

Avrà luogo venerdì 15 luglio dalle ore 19.30 nel giardino della Biblioteca Navarria Crifò (via Naumachia 18/a, Catania), l’incontro “A 30 anni da Falcone e Borsellino – Stragi di mafia, stragi di Stato”, con il giornalista Attilio Bolzoni, autore di importanti libri sul fenomeno mafioso e tradotti in varie lingue, come il recentissimo “Uomini soli. Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” (Zolfo Editore), l’avvocata Adriana Laudani, presidente di Memoria e Futuro e dirigente dell’Udi, Roberto Navarria, Chiesa Valdese di Catania. Modera il giornalista Antonio Ortoleva.

Il tema principale della serata è quello di fare chiarezza sull’origine delle stragi che, a partire da Portella della Ginestra, sino a Falcone e Borsellino, hanno insanguinato il Paese e deviato il progresso politico e culturale. Dalle prevalenti ricostruzioni storiche e dalle inchieste giornalistiche di questi decenni emergono da ogni violento fatto di sangue una serie di indizi concordanti, numerose prove e impronte decisive che conducono ad affermare che non fu solo mafia. Che ad ogni evento drammatico sono subentrati depistaggi. Che una matrice politico-istituzionale è acclarata. Che la presenza di servizi italiani e stranieri è dimostrata, così come l’uso di una manovalanza di estremisti neofascisti. Questo cafarnao di mandanti in apparenza oscuri, sparizioni di agende e documenti, intorpidimento dei fatti hanno precluso una verità giudiziaria chiara e completa che non possiamo più attendere.

Da qui, la necessità di abbattere un sipario di menzogne e misfatti, costruendo una verità storica condivisa sul nostro passato prossimo da consegnare alle nuove generazioni.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*