KinEst Fest, il 18 luglio a Catania “Ho servito il re d’Inghilterra” e premiazione

Si terrà lunedì 18 luglio, nell’area all’aperto SpiazZō centro culture contemporanee (Catania, piazzale Rocco Chinnici, 6, viale Africa), la serata conclusiva della seconda edizione del KinEst Fest, il festival del cinema dell’Europa centrorientale, promosso dall’associazione Dolina Miru.

Il KinEst Fest, che gode del patrocinio culturale dell’Istituto Polacco, dell’Accademia d’Ungheria, del Centro Ceco e dell’Accademia di Romania, ha proposto in concorso 12 film, che sono stati votati dal publico in sala e da due giurie qualificate.

Lunedì sera si terrà la premiazione, nel corso della quale verranno assegnati il premio del pubblico, il premio della giuria della stampa – composta dalle giornaliste Marina Lalovic (Rai News), Rosa Maria Di Natale (La Repubblica), Maria Lombardo (La Sicilia), da Dario Accolla (Gaypost.it, blogger Il fatto quotidiano) e Giusi Sipala (Europhonica) – ed il premio della giuria del festival, composta dal regista Ado Hasanovic, dalla regista Elsi Perino, dall’attrice Egle Doria, da Leopoldo Santovincenzo di Rai 4 e da Rosario Castelli dell’Università di Catania.

Per l’occasione verrà proiettato il film “Ho servito il re d’Inghilterra” (Repubblica Ceca, 2006), del regista premio oscar Jiří Menzel, un film ironico e divertente, le cui atmosfere hanno ispirato “Grand Budapest Hotel”.

Tratto dall’omonimo libro del celebre scrittore Bohumil Hrabal, “Ho servito il re d’Inghilterra”, premiato al Festival di Berlino nel 2007, è una trascinante sarabanda che narra le rocambolesche vicende di un apprendista cameriere nella prima metà del ‘900, con un tocco delicato di erotismo festoso e un’assoluta passione per la vita e le sue sorprese.

Ultimo film del grande regista, capace come pochi di guardare il mondo con stupore e tragicità, con consapevolezza estetica ed occhio da puro umorista: dagli stacchi che conducono con grazia da un’epoca all’altra – il film è raccontato in lunghi flash back che si intersecano con la vita del protagonista ormai maturo – alle ripetizioni che sottolineano l’umanità dei personaggi, alle trovate geniali che enfatizzano 
riti e miti di un’epoca.

La premiazione dei film sarà accompagnata da un mini live di Iain Halliday. Biglietto 5 euro.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*