Arrestato dalla Polizia nel rione San Giovanni Galermo per detenzione di arma da guerra clandestina e relativo munizionamento

L'arma da guerra sequestrata

La Polizia di Stato ha arrestato A.G. (cl.1993), pregiudicato, C.D. (cl.1988), pregiudicato, in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di detenzione di arma da guerra clandestina e relativo munizionamento.

Nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nel rione popolare San Giovanni Galermo, personale della Squadra Mobile – Sezione Antidroga ha operato una perquisizione presso l’abitazione di via Pavia del pregiudicato C.D., già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari nella predetta abitazione per il reato di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

All’arrivo dei poliziotti della Sezione “Antidroga”, C.D. si mostrava sin da subito particolarmente nervoso. Al termine dell’attività di perquisizione, che interessava, altresì, le relative pertinenze dell’abitazione, gli operanti rinvenivano, all’interno di un garage aperto con le chiavi nella disponibilità di C.D., un borsone, occultato tra due grosse vasche di riserva idrica, contenente un fucile mitragliatore AK 47 e una confezione di 50 cartucce calibro 7,62×39 marca Seller & Belliot per l’arma da guerra clandestina.

Subito dopo il rinvenimento, gli elementi investigativi acquisiti nell’immediatezza dei fatti dai poliziotti della Sezione Antidroga consentivano di attribuire la titolarità dell’arma, altresì, al pregiudicato A.G., soggetto legato al clan mafioso dei Cursoti Milanesi, il quale risultava anche in possesso di una seconda copia delle chiavi del garage in cui il fucile mitragliatore AK 47 era stato rinvenuto.

Pertanto, i due pregiudicati A.G. e C.D. sono stati arrestati in flagranza del reato di detenzione di arma da guerra clandestina e relativo munizionamento commesso in concorso tra loro ed, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale Cavadonna di Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che, in sede di convalida dell’arresto, li sottoponeva alla misura della custodia cautelare in carcere.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*