Serie C Gold, esordio con vittoria per l’Alfa Catania, battuta 92-66 in trasferta la Vis Reggio Calabria, tra i protagonisti Luciano Abramo

Davide Di Masi ed Enrico Famà (Foto di Romano Lazzara)

L’Alfa Basket Catania espugna, con merito e determinazione, il campo per nulla facile della Vis Reggio Calabria. Prima partita in Serie C Gold e vittoria convincente del quintetto rossazzurro, guidato dal coach Davide Di Masi, assistente Enrico Famà. Una super Alfa, trascinata da un sontuoso Luciano Abramo, batte la Vis. Primi due parziali equilibrati. L’Alfa Basket Catania chiude avanti per 23-22 e per 47-38. Poi la gara è un monologo catanese. Difesa forte, attacco devastante e grande, grandissima intensità da parte dei ragazzi alfisti. La Vis Reggio Calabria non riesce a tenere il ritmo elevato dei rossazzurri, che alla fine del terzo periodo conducono per 70-49. Gli ospiti regalano spettacolo giocando una pallacanestro spumeggiante vincendo per 92-66. Capitan Luciano Abramo sugli scudi con 31 punti in 25 minuti giocati (5 su 7 da due; 6 su 10 da tre; 3 su 4 dalla lunetta). Debutto importante per Ruggero Elia 18 punti in 23 minuti giocati. A Reggio Calabria giocano tutti anche i giovani dando risposte positive. Come Federico Cuius, un leone in cabina di regia e poi Lorenzo Corselli, Giacomo Barletta, Gabriele Patanè, Ettore Delia e Michele Esposito. Ottime le prove dei “veterani” alfisti Daniel Arena, Marco Pennisi ed Enrico Pappalardo. Un magnifico inizio di campionato. Sabato pomeriggio, al Leonardo Da Vinci, la prima gara casalinga del team catanese, che ospiterà il Basket School Gela.

Davide Di Masi

“Ottimo approccio alla Serie C Gold – afferma il tecnico alfista Davide Di Masi -. Gara enigmatica per entrambe le squadre e per tanti motivi: la prima giornata di campionato, squadre che non si erano mai incontrate prima, roster da rodare ed emozioni da gestire. L’abbiamo spuntata noi grazie ad una partita con 40 minuti di lucidità e tanta voglia di tornare a casa con i primi 2 punti in classifica. Un recuperato Abramo mette il trentello; Pennisi e Arena presenti su tutto; Corselli e Pappalardo coriacei sotto le plance; Elia e Patanè già inseriti a meraviglia negli schemi; Cuius, Esposito, Barletta e Delia vincono da soli l’ultimo quarto di gioco con grande maturità. Sono soddisfatto su tutti i fronti. Adesso testa alla partita contro Gela. Sabato spero di rivedere il Leonardo Da Vinci gremito come al solito”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*