Al via il 12 ottobre al Cut di Catania il laboratorio teatrale “Gelosie Verghiane – Leggere e recitare Verga”, ideato e diretto da Ezio Donato

Ezio Donato

Una guida all’arte del raccontare, utile non solo agli aspiranti comunicatori e ai cultori della “creatività” ma a chiunque si trovi nella disposizione d’animo di lasciarsi affascinare da uno degli aspetti più belli delle relazioni umane. Ecco cos’è il laboratorio Gelosie Verghiane – Leggere e recitare Verga al via mercoledì 12 ottobre nella sede del Centro Universitario Teatrale (piazza Università 13, Catania) dalle 17 alle 20.
Il corso, gratuito, è ideato e diretto da Ezio Donato, già docente universitario di Pedagogia dell’arte a Catania e Venezia, regista, attore ed esperto nella formazione teatrale. Ogni studente, sin dall’inizio del Laboratorio dovrà portare con sé una qualunque edizione di tutte le novelle di Giovanni Verga. Per i partecipanti al laboratorio – tutti studenti universitari – sarà come entrare nella bottega di un esperto narratore guidati dallo stesso artigiano che spiega i segreti del mestiere valendosi della sua esperienza, con il senso di promuovere rapporti più stretti con il mondo delle professioni. L’arte del leggere è, infatti, finalizzata a una migliore comprensione dei testi di Verga e della sua rivoluzione linguistico-letteraria, per potenziarne l’apprendimento e per migliorare l’efficacia della comunicazione. 

Gli attori Brazzaventre, Famà e Milazzo

Conducono il laboratorio, oltre al professore Ezio Donato, Rosalba Galvagno, docente universitaria di Letteratura italiana; Franco La Magna, giornalista ed esperto di cinema; Matteo Musumeci, musicista e compositore con esperienza nelle musiche di scena; gli attori Filippo Brazzaventre, Evelyn Famà e Plinio Milazzo.

Il corso si svilupperà in otto incontri – tutti i mercoledì – sui temi che vanno dall’arte del raccontare nella tradizione popolare orale siciliana: “u cuntu” alla trascrizione del racconto orale negli anni di Verga: Capuana, Vigo, Pitrè, Gozenbach fino alla rivoluzione linguistico-letteraria di Verga. Saranno analizzati anche altri argomenti come: dal racconto alla scena in Capuana, Verga, Pirandello; Lettura espressiva e drammatizzazione, il gioco del teatro (il linguaggio del corpo, il linguaggio della parola, il linguaggio delle cose), smontaggio e riscrittura sotto forma di copione e sceneggiatura filmica di un testo di narrazione (il caso della novella “La caccia al lupo” di Giovanni Verga). Alla fine del percorso laboratoriale, nel mese di dicembre, si terrà la performance conclusiva proprio con lo spettacolo “La caccia al lupo” con gli attori e la partecipazione degli stessi studenti. 

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*