Ecco come migliorare la brand awareness di un’azienda

Foto di Joao Tzanno via Unsplash

Per un’azienda è essenziale migliorare la brand awareness. Chi gestisce un’attività di qualsiasi tipo deve essere sempre a conoscenza del fatto che uno degli obiettivi è quello di far conoscere il proprio marchio. Gli utenti o i potenziali clienti, infatti, si trovano spesso nella situazione di dover scegliere tra un marchio e un altro e per questo motivo le attività di brand awareness hanno il compito di rafforzare la consapevolezza e la conoscenza di un marchio rispetto a quello dei competitor. Le strategie da attuare sono tante e per prima cosa è fondamentale comprendere quanto un brand è forte nella mente dei potenziali clienti.

Il valore della brand awareness

Quando si parla di notorietà si deve fare necessariamente riferimento a qualcosa di valore. Roberto Serra, SEO specialist autore del libro Visibilità, il superpotere che viene dal Web, nel suo sito analizza dettagliatamente come costruire autorità e visibilità attraverso la link building.

Infatti è importante davvero creare un senso di familiarità e di coinvolgimento con gli utenti e allo stesso tempo offrire una user experience che sia la migliore possibile. Tutto questo può avere davvero dei risultati importanti specialmente quando le persone devono compiere una scelta di acquisto.

Infatti la brand awareness consiste in una notorietà capace di incidere in maniera fondamentale sull’immagine di un’azienda, di un marchio, impostando bene le strategie di comunicazione e di branding. Ma come fare in concreto per aumentare la brand awareness? Quali sono le strategie su cui si deve puntare?

Lavorare con il content marketing

Molto importante, fra le strategie da applicare, è quella di creare contenuti pertinenti e di valore legati al brand. In questo modo si può raggiungere più facilmente il giusto target e generare così delle conversioni davvero importanti.

Naturalmente le varie strategie di content marketing possono cambiare in base agli obiettivi che si vogliono raggiungere, coinvolgendo differenti canali di volta in volta. Fra questi canali di certo uno da prendere in considerazione è costituito dal blog.

Quest’ultimo è uno strumento che permette di far arrivare traffico sul sito, di far conoscere il marchio e di aumentare l’autorevolezza dell’azienda. L’importante, però, è cercare di lavorare, anche nella predisposizione e nella pubblicazione dei contenuti, per dare al brand una certa personalità, in modo da differenziarsi dai concorrenti e da offrire qualcosa di unico e di originale.

Tenere in considerazione l’influencer marketing

La collaborazione con gli influencer è un’altra strategia importante per aumentare la notorietà del brand. Per farlo è importante scegliere delle persone che siano in linea con i valori e con i vari messaggi che l’azienda vuole trasmettere.

Infatti, anche quando si lavora per mezzo dell’influencer marketing, bisogna puntare tutto sulla coerenza. Allo stesso tempo, non per forza ci si deve focalizzare soltanto su delle campagne online. Sarebbe importante anche sfruttare l’offline. Le campagne miste di solito danno dei risultati davvero significativi, perché si ha l’occasione anche di differenziare i vari argomenti e i vari messaggi di comunicazione a seconda del canale di riferimento, oltre che naturalmente differenziare per i momenti particolari dell’anno.

Lavorare sui social

È comprovato da numerose ricerche che le persone trascorrono molto tempo a navigare in rete, soprattutto dedicandosi ai social più conosciuti, come Facebook, Twitter e Instagram. Quindi fra le varie strategie per migliorare la brand awareness aziendale sarebbe rilevante tenere anche in considerazione quanto i social possano essere importanti per influire nel valore del marchio, con il coinvolgimento diretto e positivo che si può stabilire con il target di riferimento.

I social rappresentano davvero un punto di riferimento importante per farsi notare anche attraverso il passaparola tramite la condivisione, per l’immagine che l’azienda può acquistare nel corso del tempo.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*