Serie B, la Rainbow Viagrande vince 80-41 il derby etneo con la Kàtane

Quinto successo consecutivo ed una gara da recuperare. La Rainbow Viagrande Gruppo ALTEA continua la propria corsa conquistando anche il derby etneo della sesta giornata della Serie B femminile siciliana in casa della Kàtane Basket. Il 41-80 finale, in loro favore consolida il primato delle viagrandesi in classifica.

Rainbow un po’contratta in avvio, con le padrone di casa che reggono l’urto nei primi dieci minuti, conclusi sul 10-15, con Del Bosco e compagne che accelerano con decisione a partire dal secondo quarto, che si conclude con un vantaggio di 15 punti alla sirena di metà gara (19-34). Nella seconda parte di gara le viagrandesi fanno il vuoto, trascinate dalla giocatrice italo-argentina e dalla Rostotska (rispettivamente autrici di 28 e 23 punti personali) si aggiudicano i due tempi per 11-24 e 11-22, potendo gestire con tranquillità il finale del match.

Nel post gara coach Ninni Gebbia commenta: “Abbiamo giocato una partita con giusta intensità e rispettando il piano partita. Le ragazze sono sempre state attente in difesa. Non abbiamo concesso penetrazioni o tiri facili, cosa congeniale alle nostre rivali di giornata, e in attacco abbiamo avuto la giusta pazienza per muovere la palla e giocarla dentro. Nella prima frazione le due squadre si sono studiate, mentre la Kàtane, dal canto suo, è entrata molto carica in campo. Man mano abbiamo preso il controllo della gara, gestendola con intelligenza”.

TABELLINO

KÀTANE BASKET – RAINBOW VIAGRANDE GRUPPO ALTEA 41-80

KÀTANE BASKET: Sarcìà; Cardea 3; Licciardello 5; Costi 7; Pafumi 5; Distefano 12; Di Dio 9; Dato; Catanzaro, Alì; Cardillo. Coach: Silvia Gambino.

RAINBOW VIAGRANDE: Semenchuk 9; Spampinato ne; Katerynchyk 10; Giacobbe ne; Gazzè; Bosio 2; Scalia 3; Rostotska 23; Del Bosco 28; Ivanyuk 5. Coach: Ninni Gebbia.

PARZIALI: 10-15; 19-34; 30-58

Primo arbitro: Giuseppe Caci di Gela (CL)

Secondo arbitro: Alessio Nugara di Caltanissetta

Segnapunti: Claudio Cosentino

Cronometrista: Agnese Furnari

24 secondi: Fabiola Allegra

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*