La vicenda Portoghese, una Regione ed una città allo sbando, le condiderazioni dell’Associazione Memoria e Futuro – ODV

Memoria e Futuro

Riceviamo e pubblichiamo comunicato dell’Associazione Memoria e Futuro – ODV sulla notizia della prossima rimozione, a Catania, del dott. Federico Portoghese, attuale Commissario Straordinario del Comune etneo. “Catania vanta diversi primati in negativo: – si legge nel comunicato – dalla TARI più alta d’Italia, a quello in materia di dispersione scolastica e di devianza giovanile. E’ anche la città più ingovernabile d’Italia, o meglio, governata da un ceto politico incompetente,  esposto ai condizionamenti provenienti dalle forze della speculazione e del sistema affaristico-mafioso. Dopo la vicende giudiziarie lunghe e tormentate che hanno riguardato l’ex Sindaco  Salvo Pogliese, concluse con le sue ritardate dimissioni, oggi viene data come certa la rimozione del dott. Federico Portoghese, nominato nel febbraio 2022 Commissario Straordinario della Città Metropolitana, e il 12 settembre 2022 Commissario Straordinario del Comune di Catania. Solo adesso perviene, infatti, un parere negativo alle due nomine per assenza dei requisiti richiesti dalla legge. Un parere chiesto nell’agosto del 2022, reso il 5 gennaio del 2023, a ridosso delle prossime elezioni comunali!“.

Palazzo degli Elefanti

“Un parere tra l’altro discutibile e discusso, – prosegue il comunicato – provenendo il Dott. Portoghese dall’Università pubblica e quindi da una Pubblica Amministrazione in senso stretto. È vergognoso! Ma lo Stato dov’è? Si può continuare a lasciare allo sbando  una città così popolosa, attraversata da mille e un problema irrisolti? In una fase nella quale ci sarebbe da utilizzare bene e in  piena trasparenza, i fondi PNRR e altri fondi nazionali e europei? Per non dire del degrado dei quartieri, dell’urgenza di interventi che riguardano le politiche abitative, i parchi, il sistema di gestione dei rifiuti, la mobilità urbana e metropolitana, la povertà educativa, l’emigrazione forzata dei giovani e la disoccupazione soprattutto giovanile e femminile? No, c’è qualcosa che non va, c’è qualcosa sotto che sa di eliminazione di un Dirigente scomodo, di contrasti all’interno del centro-destra, di manovre pre-elettorali per garantire chi ha la “città in pugno”. La società civile nel suo complesso può e deve reagire, subito e con forza”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*