Duro colpo inferto dalla Squadra Mobile di Catania al patrimonio di un soggetto vicino al Clan Santapaola, sequestrati beni per oltre 1,5 milioni di euro

L'arrivo della Squadra Mobile

Personale della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile della città etnea ha dato esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di beni ai fini della confisca, ai sensi del Codice Antimafia, emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del Questore, in stretto raccordo con la Procura Distrettuale della Repubblica, a carico di  Giovanni Fraschilla  di anni 60, in atto sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. Tale attività trae spunto da un’articolata attività d’indagine condotta dalla locale Squadra Mobile per una tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore locale, coordinata dalla Procura Distrettuale della Repubblica, che ha consentito di individuare soggetti organici al clan Santapaola, fra i quali Francesco Santapaola (cl.1979) (figlio di Salvatore Santapaola, quest’ultimo cugino del boss “Nitto” Santapaola), Cesare Marletta (cl. 1972) (cognato di Fraschilla) e Nicolò Andrea Corallo(cl.1982), nonché altri soggetti vicini al clan fra cui il Fraschilla, che risulta, tra l’altro, gravato da precedenti penali e di polizia per reati di grave allarme sociale, alcuni dei quali conclusisi con sentenze passate in giudicato, fra i quali: omicidio volontario aggravato, sequestro di persona e porto illegale di armi, tentata estorsione, associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato, falso ideologico, materiale ed altro.

Le indagini patrimoniali condotte dalla Divisione Polizia Anticrimine e dalla locale Squadra Mobile, hanno consentito anzitutto di delineare la pericolosità sociale del proposto in considerazione dei numerosi precedenti di polizia e delle condanne definitive. In seconda battuta sono state analizzate le posizioni economiche dello stesso e di “terzi interessati”, tutti suoi familiari. L’analisi dei suddetti dati ha consentito di individuare i cespiti patrimoniali e le attività commerciali oggetto di intestazione fittizia, riconducibili al predetto, acquisiti nel periodo in cui si è manifestata la sua pericolosità sociale, attraverso il reimpiego di danaro proveniente dalle attività illecite.

Inoltre, l’analisi dei flussi finanziari relativa a Giovanni Fraschilla, compiuta dagli investigatori “patrimonialisti” della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile ha evidenziato una forte sperequazione tra i redditi del proposto e del proprio nucleo familiare e i beni, fittiziamente intestati a terzi e comunque nella disponibilità dello stesso che, pertanto, sono stati ritenuti frutto e reimpiego dei proventi delle attività illecite commesse dall’interessato.

Quanto ricostruito ha consentito al locale Tribunale -Sezione Misure di Prevenzione- di ritenere che Giovanni Fraschilla abbia ricavato vantaggi economici dai traffici criminali cui il predetto era dedito e che i beni acquisiti, viziati da un’apprensione illecita genetica, siano stati sottratti al circuito dell’economia legale. 

La Squadra Mobile

Il citato provvedimento di sequestro ai fini della confisca ha riguardato i seguenti beni: 3 imprese commerciali attive a Catania, quartiere Nesima, nel settore della ristorazione (bar) e dell’intrattenimento (una nota ludoteca ed una discoteca annessa) e a Giardini Naxos (ME), nel settore del noleggio veicoli, 4 immobili ubicati in una palazzina a Nesima,  11 veicoli e numerosi rapporti finanziari intestati al proposto e a terzi interessati. Il valore dei beni indicati è approssimativamente stimato in oltre 1,5 milioni di euro.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*