Catania News

Il Comitato Cittadino Vulcania evidenzia, ancora una volta, una delle tante situazioni di degrado irrisolte nel quartiere Borgo-Sanzio. Giorno dopo giorno, da anni, fino a oggi, al viale Marco Polo si è formato un’enorme discarica a cielo aperto. Si fermano diverse auto che abitualmente scaricano i rifiuti in questo viale. La discarica invasa da rifiuti di ogni tipo, puntualmente depositati sempre da incivili che godono della libertà di gettarli senza essere individuati e puniti legalmente. Purtroppo, tale discarica è rimasta, anzi si è ingrandita, perché tutti quelli che incivilmente possono indisturbatamente scaricare rifiuti di ogni genere lo hanno fatto senza timore.

La video sorveglianza è indispensabile per combattere chi abbandona i rifiuti. “Ciò che il comitato fa notare – spiegano – è la superficialità oppure l’insufficienza nel controllo e nell’operare, sempre con proposte (in questo caso videosorveglianza). L’obiettivo è quello di identificare e punire i trasgressori nell’interesse della collettività. Si sollecita gli organi preposti a intervenire, per rassicurare i cittadini residenti della zona, al ripristino e all’ennesima bonifica della zona deturpata da rifiuti abbandonati.

Rifiuti abbandonati nelle aiuole

Altro problema da risolvere è la totale mancanza di interventi di scerbatura, da troppo tempo. La folta vegetazione presente nel marciapiede di tutto il viale in questione favorisce la presenza di topi, zecche e zanzare. Visto il crescente malessere degli abitanti, è fondamentale agire al più presto per restituire finalmente al quartiere dignità e decoro.

La documentazione fotografica che abbiamo raccolto mostra tutto il degrado che persiste da tempo. Le immagini parlano chiaro e non lasciano spazio ad alcun tentativo di ridimensionare il fenomeno triste e increscioso del degrado pubblico. Auspichiamo che si intervenga immediatamente, prima di ritrovarsi in una vera e propria giungla. Tutto questo non da certo una bella immagine al Quartiere Borgo-Sanzio, III Municipio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post