CronacaTurismo

La voglia di viaggio degli italiani non si arresta. Per l’estate 2024, periodo luglio-settembre, il 76% dei connazionali dichiara che si prenderà un momento di vacanza, che sia solo un week-end, una vacanza più lunga o un mix delle diverse possibilità.  Questo quanto emerge dalla nuova rilevazione del Future4Tourism, il monitoraggio di Ipsos sulle propensioni di vacanza degli italiani attivo dal 2017.

Nel 2024, la vacanza estiva principale avrà luogo per il 27% degli italiani a luglio, per il 28% ad agosto e per il rimanente 19% a settembre. I mesi di luglio e agosto sono ormai paritetici nelle scelte dei vacanzieri. Settembre vede i viaggiatori concentrati nelle prime due settimane del mese, scelta non necessariamente legata alla presenza di minorenni in famiglia e dunque al calendario scolastico.

La Gen Z continua a preferire le vacanze ad agosto. Millenials e Gen X si distribuiscono più equamente nei diversi mesi dell’estate mentre i boomers sono più orientati al mese di settembre.

Le destinazioni per il periodo estivo si confermano allineate all’estate 2023 con l’Italia in primissima posizione con il 66% delle preferenze, l’Europa al 19% e l’Extra Europa all’8%. Completano il quadro i viaggiatori che hanno scelto la crociera (2%). La quota residuale del 5%, a fine giugno, non ha ancora scelto la destinazione. L’analisi in trend consente di affermare che, dalla fine della pandemia, la meta Italia pur rimanendo saldamente al comando delle preferenze affievolisce il suo primato. Dapprima, sono state le mete Europee a recuperare viaggiatori di periodo in periodo.  Oggi si inizia a intravedere anche un lieve recupero del lungo raggio. Anche il momento della vacanza influisce sulla scelta della destinazione: Italia preferita nel mese di luglio, lungo raggio nel mese di settembre.

L’estate 2024 fa rilevare anche una prenotazione anticipata, tendenza che cresce di anno in anno. Il 38% dei viaggiatori aveva già prenotato la vacanza estiva entro i mesi di marzo/aprile.

Torniamo al mese in cui verranno realizzate le vacanze estive. Oltre metà dei viaggiatori (55%) che non ha scelto agosto per l’estate 2024, in passato era solito fare vacanze durante questo mese. Non è sicuramente un fenomeno nuovo quello di evitare il mese di agosto; già una parte dei vacanzieri aveva fatto questa scelta negli anni passati.

Tuttavia, l’agosto 2024 vedrà un 7% di vacanzieri che, a differenza del 2023, ha preferito orientarsi su luglio e in parte su settembre. Non di per sé una brutta notizia visto che questo non genera una diminuzione dei viaggiatori sull’intero periodo ma piuttosto una loro ridistribuzione. La scelta di evitare agosto è legata ad un tema di risparmio economico, tuttavia, sarebbe miope attribuire unicamente al fattore soldi la decisione. L’affollamento delle località è parimenti rilevante. Quando i viaggiatori ritengono eccessiva la presenza di turisti, non solo sono propensi a cambiare il periodo di vacanza, ma anche a scegliere mete alternative pur di trovare una dimensione di viaggio più in linea con i propri desideri.

In un panorama turistico in continua evoluzione, la chiave del successo risiede nella comprensione delle motivazioni e dei desideri dei viaggiatori. Monitorare costantemente i trend emergenti, permette di adattare le offerte e le strategie, garantendo un’esperienza appagante per il turista e un vantaggio competitivo per gli operatori turistici più lungimiranti.

* Fonte: Future4Tourism, ricerca di Ipsos sul turismo nazionale e internazionale – Nota metodologica: circa 1750 interviste on-line CAWI rappresentative della popolazione italiana 16 anni e più; periodo di rilevazione 19-26 giugno 2024

Su IPSOS:       
IPSOS – Oggi Ipsos è la terza più grande società di ricerche di mercato al mondo, presente in 90 mercati e impiegando oltre 18.000 persone. I nostri professionisti della ricerca hanno sviluppato capacità multi-specialistiche uniche che forniscono potenti spunti su azioni, opinioni e motivazioni di cittadini, consumatori, pazienti, clienti o dipendenti. Le nostre 75 soluzioni di business si basano su dati primari provenienti dai nostri sondaggi, monitoraggio dei social media e tecniche qualitative o di osservazione. “Game Changers” – il nostro slogan – riassume la nostra ambizione di aiutare i nostri 5.000 clienti a navigare più facilmente nel nostro mondo in profonda evoluzione. Fondata in Francia nel 1975, Ipsos è quotata all’Euronext di Parigi dal 1 ° luglio 1999.

Martinengo Communication, agenzia di comunicazione integrata specializzata nel mondo del turismo, ha sviluppato un accordo di partnership con IPSOS, società internazionale, leader nell’analisi e interpretazione dei dati, con l’obiettivo di supportare i clienti nello sviluppo di strategie di marketing mirate, basate su informazioni certe e aggiornate, con grande competenza nel settore. La partnership IPSOS/Martinengo intende rafforzare la consulenza per tutti quei soggetti che vogliono comprendere e prevedere la domanda turistica per elaborare strategie di marketing. Cogliere e anticipare le tendenze dei viaggiatori è la vera sfida per sviluppare e promuovere un’offerta in linea con le loro aspettative e cogliere in tempo la ripresa dopo la pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post