21 specie di libellule censite al “Vallone di Piano della Corte” di Agira

Orthetrum brunneum Frecciazzura celeste

Ventuno specie di “Draghi volanti”, ovvero libellule, – “Dragonflies” il nome inglese di questo gruppo -, sono state censite nel territorio della Riserva naturale orientata “Vallone di Piano della Corte” di Agira.

Sono i risultati della ricerca condotta dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania tra il 2018 e il 2019, un dato particolarmente rilevante visto che in Italia ne sono state censite circa 100. Un numero sorprendentemente alto, quello rilevato nella riserva naturale “Vallone di Piano della Corte”, gestita dal Cutgana, se rapportato alla modesta superfice indagata, ovvero il corso d’acqua all’interno dell’area protetta lungo circa 7 km.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati in questi giorni in un articolo dal titolo Odonata checklist of Nature Reserve and SAC (Special Area of Conservation) “Vallone di Piano della Corte” sulla rivista scientifica internazionale Journal Biodiversity, a firma dell’entomologo Paolo Galasso e dal direttore dell’area protetta di Agira Renzo Ientile.

Tra le specie segnalate, anche una particolarmente rara, la Pyrrhosoma nymphula (Scinitlla zampenere) legata ad acque limpide, in Italia ha ormai una diffusione molto limitata.

Anax_Imperator_Imperatore comune

«Le libellule sono insetti predatori, voracissimi, capaci di compiere voli fulminei spesso con improvvise sterzate – spiega Renzo Ientile, direttore della riserva naturale “Vallone di Piano della Corte -. Hanno colori scintillanti, azzurro, rosso, giallo o verde. Catturano piccoli invertebrati, principalmente zanzare, si concentrano in prossimità delle zone umide, uova e larve si sviluppano in acqua».

«Un nuovo tassello alle conoscenze della fauna del territorio agirino, ma più in generale degli Erei, ribadisce il valore naturalistico della nostra regione e l’importante ruolo che riveste il sistema di aree protette nella salvaguardia della biodiversità» conclude l’ornitologo Renzo Ientile del Cutgana.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*