Il Consiglio comunale approva sei ordini del giorno e dieci mozioni

Consiglio comunale

Sei ordini del giorno e dieci mozioni approvate. E’ il bilancio della seduta di prosecuzione del Consiglio comunale che si è svolta ieri sera, presieduta da Giuseppe Castiglione. Vari gli argomenti trattati, dalla riqualificazione urbana all’attività della polizia municipale, dalla mobilità all’ecologia, dai servizi per il cittadino alla salute, alle pari opportunità, ai diritti civili.  
Questi gli ordini del giorno, che impegnano l’Amministrazione a mettere in atto specifici provvedimenti.
Predisposizione ed intensificazione dell’impiego della Polizia Municipale per i cosiddetti reati meno gravi affinché possano liberarsi risorse economiche e umane delle Forze dell’Ordine, ed in particolare, della Polizia di Stato, per il contrasto dei reati più gravi (a firma del Gruppo consiliare M5S); Riqualificazione di Corso Sicilia (consigliere Zammataro ed altri); Implementazione della posta certificata per alcune direzioni (consigliere G. Bonaccorsi e altri);
Decreto legge sullo stanziamento dei fondi per migliorare la qualità ambientale: mobilità dolce e sostenibile (consiglieri V Commissione consiliare); Interventi urgentissimi contro la chiusura degli sportelli al pubblico nei 6 Municipi catanesi (consiglieri VIII CCP ); Ponte sullo Stretto di Messina (Gruppo consiliare Grande Catania).
Di seguito le mozioni, richieste motivate che rientrano nell’ambito dell’azione di indirizzo e di controllo politico-amministrativo del Consiglio comunale.
Divieto di trasporto non autorizzato per conto terzi di rifiuti nel territorio comunale (a firma del consigliere Nasca e del Gruppo M5S); Accessibilità universale (consigliere Nasca e Gruppo M5S); Impegno del Sindaco della presenza di personale di Polizia municipale nei sei Municipi di Catania – Applicazione del Regolamento sul decentramento urbano e sul funzionamento degli Organi dei Municipi del Comune di Catania (consigliera Adorno e Gruppo consiliare M5S);
Tutela dei diritti delle lavoratrici colpite da patologie oncologiche e patologie fortemente invalidanti (consiglieri VIII CCP) ; Adesione al rapporto di valutazione di base del “Grevio” sulle misure legislative e di altra natura da adottare per dare efficacia alle disposizioni della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica -Convenzione di Istanbul- Italia (componenti VIII CCP – Anastasi, Nicotra, Penna, Rotella); Pietra d’inciampo in ricordo delle vittime della mafia (consiglieri Nasca e Messina); Miglioramento del servizio di cambio residenza per il cittadino (consiglieri Petralia e D. Grasso); Soggetti portatori di handicap; tessere Amt ai sensi dell’art. 21 della L.R. n. 68/81 e dell’art. 2 della L.R. 9/92 (consigliere Curia);
Progetti psico-socio-sanitari nati dopo il disastro di Chernobyl (Vice Presidente del Consiglio comunale Zappalà);
Programmazione  sulle politiche amministrative della Mobilità (consigliere Anastasi e altri).

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*