156 verbali della Polizia Municipale durante i servizi di controllo serali in piazza Europa

Controlli Polizia Municipale

Centocinquantasei verbali di violazione del Codice della strada, quindici fermi amministrativi e cinque sequestri amministrativi del mezzo: è il bilancio dell’attività di controllo svolta dal reparto Viabilità della Polizia Municipale in piazza Europa, eseguita nella settimana appena trascorsa prevalentemente in orari serali. Il rafforzamento dei posti di controllo, disposto dal comandante Stefano Sorbino, segue lo specifico indirizzo impartito dal Commissario Straordinario Federico Portoghese per garantire la viabilità del luogo e la tranquillità degli avventori e dei residenti.

L’attività di contrasto alle violazioni del codice della strada, compiute soprattutto da conducenti di motocicli, è stata effettuata in particolare da una pattuglia a tre operatori e due motociclisti del reparto Viabilità, con questi effetti:. 66 verbali elevati ai danni di conducenti di ciclomotori per guida senza casco, con conseguente fermo amministrativo del mezzo per 2 mesi; 34 verbali per violazione dell’obbligo di arrestare la marcia per sottoporsi ai controlli, con notifica di un verbale aggiuntivo di 85 euro e decurtazione di 3 punti dalla patente; 22 verbali per assenza di copertura assicurativa, con sequestro del veicolo; 11 verbali per guida senza patente, con relativo fermo del veicolo per 3 mesi; 10 verbali per mancanza di revisione; 7 verbali per divieto di sosta; 4 verbali per il mancato possesso dei documenti di circolazione e di guida; 2 verbali per circolazione sul marciapiedi o, comunque, fuori dalla carreggiata.

L’analisi dei dati statistici, compresa la drastica diminuzione dei verbali per circolazione sul marciapiedi, e dalla verifica delle aree pedonali di Piazza Europa, che sabato sera risultavano libere da motorini e totalmente fruibili, evidenzia come i servizi di controllo nell’area di Piazza Europa stiano iniziando a dare i propri frutti, agendo anche da efficace deterrente.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*