Il florovivaismo italiano vale 2,8 miliardi: +5% produzione 2021. Sicilia sul podio

Toscana, Liguria, Sicilia, Lombardia, Lazio, Puglia, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte guidano nell’ordine la classifica delle regioni italiane che registrano il più alto valore alla produzione del settore florovivaistico nazionale, cresciuto del 5% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Un valore che nel 2021 ha sfiorato i 2,8 miliardi di euro (il 4,6% della produzione a prezzi di base dell’agricoltura italiana), “il dato più alto delle ultime annate prese in esame”, segnala Myplant & Garden, il Salone internazionale del Verde (FieraMilano-Rho, 22-24 febbraio 2023), la più importante manifestazione professionale delle filiere del verde vegetale e costruito.

L’Italia conferma il ruolo di esportatore netto del prodotto orto-florovivaistico: nel 2021 il valore alla produzione dell’export ha raggiunto i 1143 milioni di euro (903 nell’anno precedente).

In questa cornice, la Sicilia consolida la propria posizione tra le regioni italiane più floride del settore come terzo produttore nazionale in termini economici complessivi; la produzione regionale vale quasi il 10% di quella nazionale, così suddivisa:

2° posto per il mercato di fiori e piante (con 183 milioni di euro il valore alla produzione, ossia il 14% della produzione nazionale, contro i 173 milioni di euro del rilevamento precedente), dietro solo alla Liguria e davanti alla Campania;

3^ posizione nel mercato vivaistico (oltre 83 milioni di euro il valore alla produzione, pari a circa il 5,5% della produzione nazionale, contro gli 80 milioni di euro del rilevamento precedente), dietro solo a Toscana e Lombardia.

Tra gli oltre 650 marchi italiani ed esteri già iscritti alla kermesse milanese, sono 20 le realtà siciliane a oggi confermate.

Abbiamo già la certezza che almeno 120 delegazioni di buyer da tutta Europa saranno in fiera e potranno, insieme alle migliaia di operatori italiani, apprezzare l’eccellenza del prodotto orto-florovivaistico siciliana” – affermano da Myplant.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*