Arrestati in via Ustica dalla Polizia per spaccio di cocaina

Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha arrestato Stefano Lanzafame (cl.1988), pregiudicato e Alfredo Mantia(cl.1964), anch’egli pregiudicato; entrambi ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere San Giovanni Galermo, nel pomeriggio del 28 gennaio scorso, personale della Squadra Mobile – Sezione “Antidroga” predisponeva, sin dalle prime ore del pomeriggio, un mirato servizio di osservazione in via Ustica, storicamente una delle principali “piazze di spaccio” del quartiere popolare. Durante l’attività, i poliziotti notavano il Mantia intento a lanciare dosi di cocaina dal balcone di una palazzina di via Ustica in direzione del Lanzafame il quale, operando invece come pusher su strada, una volta ricevute le dosi di cocaina dal complice al balcone, le consegnava a svariati acquirenti, ricevendo in cambio varie somme di denaro. Gli agenti fermavano dapprima il Lanzafame, colto subito dopo aver ceduto ad un acquirente l’ennesima dose di cocaina lanciata dal Mantia; nel frattempo, un secondo equipaggio faceva irruzione nell’abitazione da cui Mantia lanciava le dosi di sostanza stupefacente. Al momento dell’irruzione nell’abitazione, Mantia veniva sorpreso mentre, nel tentativo di disfarsi della sostanza stupefacente, lanciava dal balcone un contenitore in plastica, che veniva però subito recuperato dai poliziotti della Narcotici appositamente piazzati sotto il balcone.  Al termine dell’attività venivano rinvenuti e sequestrati a carico degli arrestati 5 dosi di cocaina e la somma in contanti 370 euro in banconote di vario taglio, oltre a materiale di confezionamento della sostanza stupefacente.

Condotti negli uffici della Squadra Mobile ed espletate le formalità di rito, Alfredo Mantia e Stefano Lanzafame venivano sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*