Il fascino della Maremma, crescono le richieste di ville in affitto e in vendita

La Maremma ha le caratteristiche per proporsi come meta ideale nell’estate 2020: la bassa densità abitativa, la vasta offerta turistica e lo stile di vita orientato alla sostenibilità la rendono particolarmente adattabile alle misure imposte dall’emergenza Covid.

Qui è boom anche di richieste di ville di prestigio. Non a caso sul numero in edicola a luglio Ville&Casali dedica un reportage di 12 pagine alla Maremma, una delle punte di diamante della Toscana.

“Abbiamo scelto di fotografare una terra incontaminata, con una natura varia e un’offerta enogastronomica che il mondo ci invidia” spiega Giovanni Morelli editore di Ville&Casali -. Ne esce un quadro che ben si inserisce anche nell’inchiesta pubblicata sullo stesso numero, dedicata alla crescente domanda di ville in affitto per le vacanze estive. “Tutti gli agenti che abbiamo intervistato – aggiunge Morelli – concordano sull’incremento esponenziale di richieste, soprattutto per ville nel verde, con piscina o sul mare, anche per affitti oltre i 30 giorni”

A raccontare i punti di forza di un territorio considerato il più green della Toscana è Luca Agresti, vice Sindaco e Assessore al Turismo e alla Cultura di Grosseto. “Negli ultimi 4 anni abbiamo investito 8 milioni di euro per il miglioramento della mobilità dolce e realizzato 20 chilometri di piste ciclabili che uniscono l’area archeologica di Roselle con il parco della Maremma – spiega Agresti a Ville&Casali-. Per questa estate inoltre, le spiagge saranno organizzate per far rispettare le regole di distanziamento”.

Difficile presagire cosa succederà in questo lungo tratto di costa toscana che normalmente tra luglio e agosto registra 5,5milioni di presenze turistiche, ma sicuramente la provincia di Grosseto, una delle più estese del territorio nazionale, permette di fare varie esperienze evitando sovraffollamento.

Quest’anno il Covid-19 cambierà l’esperienza del turismo e la Maremma può rispondere efficacemente ai nuovi protocolli – dichiara, sul mensile edito da Morelli, Francesco Palumbo, direttore di Toscana Promozione Turistica -. La lunga permanenza in residenze in affitto inoltre, sarà un trend che permetterà a molti di proseguire lo smart-working in un territorio sicuro e immerso nella natura”.

A confermare la ricerca di ville in affitto per l’estate è l’inchiesta condotta da Ville&Casali che evidenzia la propensione di gran parte degli italiani a trascorrere le vacanze 2020 nelle proprie seconde case o in affitto. Sarebbero addirittura l’82% rispetto al 55 % del 2019, stando a una recente indagine di AirBnb, la piattaforma globale di viaggi.

In seguito all’esperienza del lock-down insomma, per i più facoltosi la richiesta prevalente sul mercato è la soluzione indipendente con giardino, piscina e Wi-Fi. Per alcune società di intermediazione per affitti di proprietà esclusive infatti, la domanda di case per le vacanze da parte delle famiglie italiane quest’anno è già triplicata.

Proprio la Maremma registra una vera esplosione per compravendite e locazione, soprattutto le proposte più lussuose sul mare, ma anche i casali in pietra in collina, restano oggetto del desiderio perfino per russi e cinesi. Tanto che alcuni agenti immobiliari dichiarano che “Se ci fosse più offerta di questa tipologia potremmo venderne uno al mese”.

In luoghi a 9 km dalle Terme di Saturnia, a un’ora dal mare e tre quarti d’ora dalle montagne, i valori oscillano intorno ai 1.200-1.500 euro al metro quadro. Tra Talamone e il Parco dell’Uccellina ci sono torri storiche in vendita che possono valere anche 5 milioni di euro. Da sempre poi, l’Argentario è molto apprezzato da professionisti e vip.

Ville indipendenti con piscina o accesso al mare sono le più ricercate, di preferenza vengono scelti immobili già ristrutturati. Nella zona delle Cannelle, di Cala Piccola, Cala Moresca e Cacciarella i valori oscillano intorno ai 7mila euro al metro quadro e sono stati venduti anche immobili a 11mila euro al mq. A Cala Piccola per una villa sui 200-300 mq con una buona manutenzione si chiedono intorno ai 2 milioni di euro. A Porto Santo Stefano gli appartamenti con terrazzo hanno valori intorno ai 3mila al metro quadro; Porto Ercole è sempre stata più cara e bisogna calcolare il 15% in più.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*