Coppa Italia di serie C, il Catania ospita stasera al “Massimino” l’Akragas

Dopo l’esordio in campionato al “Massimino” con l’1-1 con il Racing Fondi, il Catania di mister Lucarelli gioca stasera, alle ore 20.30, la seconda gara di Coppa Italia di serie C ospitando l’Akragas. Sarà il terzo e ultimo incontro del Girone “L” e la gara, come da calendario, doveva disputarsi allo stadio “Esseneto” di Agrigento, ma su richiesta della società agrigentina il campo di gioco è stato invertito. Arbitrerà il signor Marchetti di Ostia Lido.

La situazione del Girone vede appaiate in testa Catania e Sicula Leonzio con 3 punti, segue l’Akragas a zero. Al Catania basta quindi un punto per passare il turno, in caso di sconfitta invece sarebbe fuori a causa della differenza reti, in quanto al momento i rossazzurri e i bianconeri sono a +1. L’Akragas, con una differenza reti di -2 per passare dovrebbe vincere con 3 gol di scarto, ma un 3-0 non basterebbe perché dovrebbero superare i lentinesi nel computo dei gol fatti. In casa Catania questi i convocati per la gara di stasera: PORTIERI: 22 Martinez, 12 Pisseri; DIFENSORI: 4 Aya, 26 Bogdan, 20 Djordjevic, 21 Esposito, 19 Manneh, 15 Marchese, 13 Semenzato, 5 Tedeschi; CENTROCAMPISTI: 27 Biagianti, 17 Bucolo, 8 Caccetta, 6 Da Silva, 23 Di Grazia, 10 Lodi, 32 Mazzarani; ATTACCANTI: 24 Anastasi, 35 Correia, 11 Curiale, 29 Ripa, 34 Rossetti, 7 Russotto. Contra l’Akragas, come ha sottolineato mister Lucarelli, verrano utilizzati quelli che hanno giocato di meno.

Per quanto riguarda l’Akragas di Raffaele Di Napoli è reduce dalla sconfitta di Matera ed al “Massimino” cerca un pronto riscatto nel derby siciliano con il Catania. La squadra della città dei templi è reduce da due battute d’arresto di fila in altrettante partite ufficiali.

Ricordiamo che anche quest’anno la vincitrice della Coppa Italia di Serie C avrà di diritto un posto nei play off, un motivo in più per non snobbare la competizione.

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*