Calcio a 5-Serie B, ancora una sconfitta pesante per il Catania a Reggio Calabria

Arriva la terza sconfitta consecutiva in tre partite per il Catania Calcio a 5 che non riesce ad accendere la luce ed a “iniziare” il campionato di Serie B, dopo un mese.

Dopo gli 8 gol subiti in casa dal Signor Prestito, i rossazzurri ne subiscono altri 7 a Reggio Calabria, in casa del Cataforio.

Un’altra sconfitta pesantissima per gli uomini di Carlos Campos che, evidentemente, non è ancora riuscito a chiudere il cerchio e a imprimere ai giocatori rossazzurri il suo credo calcistico, in questo caso di futsal.

Anche a Reggio Calabria sono stati confermati i limiti di questa squadra, fragile in difesa e inconsistente in fase offensiva. Solo così può spiegarsi un risultato davvero pesante, reso meno amaro solo dal gol di Marcelo Lombardi, tornato in campo a 43 anni per provare a dare una mano alla squadra della quale è direttore sportivo.

Partita senza storia quella contro Cataforio che ha chiuso il primo tempo sul risultato di 3 a 0 frutto dei gol di Giriolo, Cilione, Atkinson. Il Catania, però, mette anche del suo in negativo, se è vero che sul risultato di 2 a 0 Mieli riesce a sbagliare 3 tiri liberi consecutivi. Errori che pesano dal punto di vista psicologico.

Nella ripresa quarto gol dei padroni di casa con Durante, prima della rete di Marcelo Lombardi che prova a riaccendere la fiammella della speranza per Catania. Un gol inutile, poichè i calabresi segnano ancora altre 3 volte con Cataforio (Giriolo, Modafferi, Jener) e chiudono il match sul risultato finale di 7 a 1.

Inevitabili, in casa Catania, alcune riflessioni dopo la sconfitta.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*