Catania News
La Giunta comunale di Catania ha dato mandato alla Direzione Patrimonio di indire le aste pubbliche del primo gruppo di immobili comunali seguendo i valori di stima della tabella inserita nella Delibera di Consiglio Comunale del 29 Settembre dello scorso anno.
“Nell’aprile scorso – ha spiegato l’assessore al Bilancio Salvatore Andò – il Consiglio Comunale ha approvato l’elenco di immobili da dismettere a integrazione del Piano del Patrimonio immobiliare del 2016 previsto dal Piano di riequilibrio finanziario. Poiché il Collegio dei Revisori dei Conti aveva suggerito di far verificare i valori all’Agenzia delle Entrate, la Direzione del Patrimonio ha chiesto all’organismo un preventivo, inviato nei primi di agosto. Quest’ultimo, però, a giudizio della Direzione, prevedeva tempi molto lunghi oltre che alti costi. Per questo motivo ho chiesto alla Giunta di approvare un atto d’indirizzo che, utilizzando i precedenti valori di stima, consentisse di predisporre i bandi per le aste web e testare così la risposta del mercato”.
Nella delibera di Giunta, per attuare le procedure di gara, il Direttore del Patrimonio stipulerà un’intesa con l’Associazione Aste Notarili Catania, che si occupa della gestione delle dismissioni del patrimonio immobiliare di enti pubblici e privati e della gestione ed esecuzione di aste private anche telematiche.
L’Associazione si occuperà di acquisire i documenti dei beni da mettere all’asta per predisporre il Bando, poi definirà le date d’asta con il funzionario responsabile del procedimento.
“Ritengo importante sottolineare – ha aggiunto Andò – che l’accordo con l’Associazione prevede la pubblicazione sui siti internet del Consiglio nazionale del Notariato. Le aste riguardanti i beni del Comune di Catania avranno dunque il massimo di pubblicità anche a livello nazionale. E questo, con un mercato che non appare particolarmente vivace, garantisce più ampie possibilità di successo per la vendita degli immobili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post